Banlist & Panorami Desolati

Banlist & Panorami Desolati

Articolo di Pietro Bragioto,

Divagazioni e Viaggi Mentali

Sono tornato, bella gente!
Quale momento più iconico per un ritorno migliore della banlist?

With last year’s bans of GushGitaxian Probe, and Daze in Pauper, I noted a potential concern in that the weakening of blue tempo decks could create a rise in the popularity of Tron decks. While we didn’t immediately see a problematic metagame shift in the direction, Tron decks have remained steadily popular and strong, sometimes nearing 25% of the field among top finishing decks in Magic Online Pauper tournaments.

This trend, in combination with community feedback, has prompted us to take a look at the role of Tron decks in the Pauper metagame. While it can be a good thing for metagame diversity to have an archetype that plays differently from many other strategies, we are seeing some negative effects in terms of repetitive game play, recursive play patterns and lock states. This puts pressure on other decks to be able to deal with such game states or else race the Tron decks, and generally restricts viable deckbuilding space.

Therefore, we’re taking the step of banning Expedition Map in order to reduce the consistency and popularity of Tron decks in the metagame.

Second, multiple archetypes have recently adopted Mystic Sanctuary as another means of creating repetitive loop or lockout states. While decks often only play a couple copies of Mystic Sanctuary, it is proving to be another key contributor of negative pressure on the metagame by enabling end game loops. As a card that’s likely to continue causing problems down the road, we’re choosing also to ban Mystic Sanctuary in Pauper.

Our intent is that this combination of bans should considerably reduce the speed and consistency with which Tron decks assemble their mana engine and eventual loop or lock states, as well as reducing the amount of repetitive game play coming from various blue-based tempo decks.

TL;DR : Ban di Santuario e Mappa.

Da questa parte e dal resto dell’ articolo della B&R si evincono dei punti a mio avviso fondamentali del modo di operare della nostra disamorata madre:

  • Logica generale di fondo
    Nel Blue-Monday è stata la crociata contro le Free-Spell, ora siamo alla guerra senza quartiere contro il loop, ad ogni modo alla Wizzy preme farci sapere che c’è una grande logica dietro a tutto e nulla è fatto a caso.
  • I numeri motivano e giustificano
    Alla base di ogni Ban c’è un mazzo che è andato oltre il confine, oltre la frontiera del 55% di winrate nei non-mirror, in base ai dati ad appannaggio esclusivo della casa madre e ormai non più pubblici e condivisi con l’ indegna plebaglia della playerbase.
  • Attenzione al Feedback della community

Francamente ho sempre trovato il primo punto davvero pericoloso per il delicato ecosistema di un formato, il processo che porta ad un ban sembra trovare la favoletta che giustifichi un ban specifico di un archetipo problematico per la sua winrate.
In ogni gioco di carte che si rispetti le winrate sono un indicatore essenziale per monitorare quali archetipi andare a colpire ma bisogna fare attenzione all’effetto paraocchi: un ban va fatto per creare un ambiente migliore e dare una svolta ad un ecosistema malato.
Un ban è la cura e non una potatura o peggio, una stroncatura.

Chi mi conosce sa che ho il timore di un Pauper che sopravvive all’ombra di una madre disamorata che educa senza prospettive: la Wizard non testa il formato e non ha una vaga idea di come modificarlo.
Si limita semplicemente a trovare una favola che giustifichi una punizione.
I mazzi più giocati sono U-based?
Blue Monday.
Il formato è dominato dai loop che creano soft lock troppo presto?
Si azzoppa Trono e si banna santuario.

Trono non era certo un problema in un meta più variegato dove combo e tempo lo punivano, senza questi 2 i mazzi a base blu si buttano a capofitto su santuario e Trono cresce in power level a dismisura in stile Senza-Volto ne “La città incantata”.
Spesso non basta potare un albero malato per guarirlo.
Il formato è in balia di se stesso e continuerà questo effetto domino perchè chi è al timone non sa guardare più in là del proprio naso, risolve solo nell’immediato senza minimo lungimiranza.

Non confondete tutto ciò come una critica nei ban nello specifico perchè ritengo che diminuire almeno la consistenza di Tron sia uno step necessario, semplicemente ritengo che la logica dietro ai ban del formato Pauper sia suicida o quanto meno menefreghista.
Il formato continua ad abbruttirsi e perdere sfaccettature, nessun tempo, combo al minimo e loop engine distrutte.
Si perdono colori ad ogni banlist ed il panorama che ci restituiscono è sempre più tetro del precedente.

Ma la vera domanda, quella più inquietante è: What’s next?
Perchè un malato sotto antidolorifici sta meglio nell’immediato ma domani sarà la stessa storia che si ripete, il prossimo ban sarà la meccanica Monarca?
La logica di chi non ha “le mani in pasta” o empatia con il formato placherà il dolore a breve termine ma porterà a disastri nel lungo periodo.

.

Il punto Tecnico

Evoluzione degli archetipi colpiti

Nessuno dei due macro-archetipi colpiti farà la fine del mio vecchio Tribe, entrambi continueranno ad essere giocabili competitivamente almeno come Tier 2, lo stesso non si può dire di Familiar che non ha più una chiusura affidabile.

UR e UB non faranno altro che rimpiazzare il pacchetto per il late delle Tragic Lesson e Deprive con le nuove Ak ossia le Frantic Inventory, non c’è più una scelta dopo la potatura, solo una direzione obbligata.
Sarà la volta buona dove Merchant Scroll verrà adoperata con costanza come cacciatrice di silver bullet e come supporto al piano “Inventory”?

Per quanto riguarda Tron, si cercherà di sopperire alla perdita di mappa con una card engine di Impulse e probabilmente Preordain data la sua economicità che gli consente di essere giocato in early o col mana di Bonder e per il fatto che oltre a Teachings non vi sono altri modi mainstream di shufflare il mazzo che vadano ad inficiare i benefici dello Scry 2.
Forse si proverà e giocherà Crop Rotation in numeri ristretti ma nutro forti riserve verso questa carta per il colore secondario e per la natura rischiosa di questa se nel meta dovessero sopravvivere un buon numero di mazzi U-based.

Non ho grandi attese ma penso ricomincerò a testare gli archetipi azzoppati partendo da queste liste base , vedendo se qualcosa è effettivamente recuperabile:

.

Il Raduno degli Sciacalli

I vincitori di questa banlist sono senza dubbio i monarch.deck, ossia i Boros e Mono Nero che continua lento ed inesorabile la sua scalata verso il potere nel mezzo di queste potature.
Monarca diverrà il nuovo elefante nella stanza?
Di sicuro è il maggiore contendente favorito sia dalla bastonata all’engine di Tron, sia all’eliminazione dei loop di Santuario è Boros Monarch che vede aumentare le sue speranze di vittoria contro lo storico nemico e rimette a posto l’ago della bilancia nel Mu contro le fatine.
Non bisogna ignorare inoltre che le nuove Thriving Land daranno a Boros l’opportunità di travestirsi occasionalmente da Mardu con Terminate, Okiba e scartini che saranno molto più facili da giocare, oppure di splashare blu per eventuali Mulldrifter.

I mazzi aggro passeranno da un oppressore all’altro e Stompy si ritroverà a cambiare il bersaglio delle sue imprecazioni da paci e rinoceronti a strands e skyfisher.
Vi invito a pregare che Tron e U-based non siano stati eccessivamente indeboliti altrimenti passerete ben presto ad avere la paranoia della corona e di tutte quelle partite rubate dall’abilità monarca, perfettamente fair e disegnata per un 1vs1.

.

.

Conclusioni

Non penso che le implicazioni immediate per il meta di questi ultimi Ban siano disastrose come nel caso del Blue Monday dove furono sradicati interi modi di giocare: giocheremo in un Pauper abbastanza bilanciato e con i numeri in regola con un punto di domanda sulla meccanica monarca che avrà il prossimi mirino in testa.

Al di fuori dei meri numeri che non segnaleranno probabilmente winrate anomali, la giocabilità e la conseguente godibilità del formato continua il suo lento ed inesorabile declino iniziato in tempi non sospetti e che porterà, spero non troppo presto, alla prossima caccia alle streghe o alla domanda: come siamo arrivati a questo punto?

Non mi aspettavo ban sensati da parte della Casa Madre dopo gli ultimi strafalcioni, tuttavia sono abbastanza convinto che la direzione presa alla cieca troverà particolare fortuna ed un periodo di calma apparente.
Dato questo zuccherino al cavallo, continuo a condannare il modo di bannare della Wizard in questo formato ed il suo non-capirlo davvero continuando a comportarsi da madre disamorata che continua a mandare il figlio allo sbaraglio senza indicargli orizzonti degni di essere vissuti.

Della serie: “Poteva andare peggio” ma “Non mi aspettavo di meglio”.

Pauper Tron at the end of 2019

Pauper Tron at the end of 2019

Article by Alessandro Moretti
Translation by Fabrizio Pucci

Introduction

Around november I’ve played in 5 MTGO major Pauper Events (2 Pauper Playoff e 3 Pauper Challenge) and for 4 times I’ve reached top8 with Fog Tron, thanks to my experience I would like to write about it.

  1. Why Fog Tron?
  2. Other versions
  3. How to beat it
  4. Impact on the meta
  5. Conclusions

Why Fog Tron?

In pauper there are many different archetypes based on Tronlands (a.k.a urzalands) because they are an high level enabler for different Strategies, from Control oriented versions (Fog Tron and Removal Tron) to midrange style shells (Fangren Tron, Kitty Tron, ecc.).

Fog Tron is a Prison deck with a game-plane based on locking the opponent out from their combat step looping effects like Moment’s Peace or Stonehorn Dignitary.

Murasa Tron ed Izzet Tron are usually defined as Removal Tron because their way to interact with opponent’s pressure are cards like Flame Slash e Lightning Bolt. They are underplayed right now mainly due to two factors: first, a low amount of spot removals isn’t enough to stop Swarn strategies (Elves, Stompy), and Ux Faeries/Delver and Voltron combo decks (UR Kiln Fiend, UW Tribe) are a little part of the actual metagame.

Another reason Fog Tron is the best Tron deck right now is the powerful endgame value generated by Ghostly Flicker ed Ephemerate, that is good enough to beat Monarch token in the long run. (Boros Monarch is one of the tier 1 of the format currently).
The blink effects of Ghostly Flicker ed Ephemerate allow Tron to be both able to grind out midrange strategies and to stop aggro decks from attacking.

Fog Tron by A_AdeptoTerra, Finalist Pauper Playoff 01/12/2019

Lands (22)
Urza's Mine
Urza's Power Plant
Urza's Tower
Tranquil Cove
Island
Remote Isle
Cave of Temptation
Swiftwater Cliffs

Spells (25)
Ephemerate
Ghostly Flicker
Prophetic Prism
Impulse
Prohibit
Compulsive Research
Mystical Teachings
Pulse of Murasa
Rain of Revelation
Expedition Map
Unwind
Dawn Charm

Creatrures (13)
Stonehorn Dignitary
Mnemonic Wall
Dinrova Horror
Mulldrifter
Sideboard (15)
Hydroblast
Lone Missionary
Red Elemental Blast
Pyroblast
Ulamog's Crusher
Moment's Peace
Ancient Grudge
Dispel
Blue Elemental Blast

As shown by Arcum’s Astrolabe (and Ephemerate) with the no longer played Jeskai Astro, a performing Blink deck in pauper needs 3 characteristics:

Having low mana cost allows to dodge hate (counter, graveyard hate, ecc.) and to race aggro decks.

In order to be fast, blink decks can choose between:

Sunscape Familiar e Nightscape Familiar are combo oriented cards (enabler for Snap and Ghostly Flicker). They are certainly not control cards, but allow blink combo decks to reach the loop condition faster.

The urzalands, as familiars, need enables like Prophetic Prism ed Expedition Map and a number of turns to set up, causing a bad reactivity in the early game. I don’t think those lands are problematic by themselves, but there’s no dout that they allow a go-wide value strategy with cards like Mulldrifter e Pulse of Murasa, often good against removal based decks (MBC; Boros, etc.)

Ephemerate is the relevant card here. First of all, costs 1 mana and usually do not require a second copy of Mnemonic Wall to loop value.

In second place, it does not suffer from graveyard hate, or rather, is a sort of answer to it. Casting Ephemerate on Mnemonic Wall in response to Bojuka Bog o Relic of Progenitus allows to recur a spell from the yard without even losing Ephemerate.
Ghostly Flicker is able to do the same, but the setup require a second copy of Mnemonic Wall, it is self-explanatory the huge difference between paying 3 mana and having a second copy of Mnemonic Wall rather than simply paying W.

Third, It is better than Moment’s Peace.
Is true that Ephemerate requires Stonehorn Dignitary in play, but by paying only W the result is two effects of Moment’s Peace, for 4 mana less and have still access to both Ephemerate (in the yard) and Stonehorn (on the battlefield) while Moment’s Peace would be in the exile zone. Mana advantage of Ephemerate vs Moment’s peace allows Tron players to cast cards like Teachings or Impulse or keep mana up to counter problematic threats.

Why Fog TRON is the best BLINK.DEK?

Ephemerate is the best blink spell and Fog Tron has access to red for Pyroblast/REB. The red answer has a huge impact on the meta because allows to interact with answers and problematic threats (Delver of Secret, Ninja of the Deep Hours, Mulldrifter, Mnemonic Wall and Dirnova Horror and so on) for just 1 red mana.

Other versions

Old Tron variants clearly have a Midrange style gameplan that relies on big threats like Fangren MarauderWretched Gryff and Ulamog’s Crusher (and sometimes Rolling Thunder).

This approach to the game is still good against traditional Midrange and Control decks, but usually is weak against explosive and linear strategies (Burn, Elves) and never had nor has enough answers to Dinrova Horror or Stonehorn Dignitary blink lock.

Fangren Tron by CtrlZED 5-0 Pauper League 20/11/2019

Lands (19)
Cave of Temptation
Haunted Fengraf
Urza's Mine
Urza's Power Plant
Urza's Tower

Spells (30)
Ancient Stirrings
Rolling Thunder
Moment's Peace
Chromatic Sphere
Chromatic Star
Expedition Map
Prophetic Prism
Journey to Nowhere
Oblivion Ring

Creatures (11)
Fangren Marauder
Mulldrifter
Ulamog's Crusher
Sideboard (15)
Ulamog's Crusher
Circle of Protection: Green
Electrickery
Faerie Macabre
Leave No Trace
Standard Bearer
Weather the Storm

Custodi Tron by mlovbo, 5-0 Pauper League 25/05/2018

Lands (22)
Azorius Chancery
Island
Lonely Sandbar
Plains
Secluded Steppe
Tranquil Cove
Urza's Mine
Urza's Power Plant
Urza's Tower

Spells (24)
Compulsive Research
Deep Analysis
Prismatic Strands
Azorius Signet
Expedition Map
Prophetic Prism
Angelic Renewal
Rhystic Circle
Seal of Removal

Creatures (14)
Coalition Honor Guard
Custodi Squire
Lone Missionary
Mulldrifter
Ulamog's Crusher
Sideboard (15)
Coalition Honor Guard
Seal of Removal
Circle of Protection: Blue
Disenchant
Faerie Macabre
Holy Light
Journey to Nowhere
Leave No Trace
Oblivion Ring

As we can see from mlovbo list (and CtrlZED sideboard), we can play a good-stuff gameplan trying to improve the more aggressive match-ups.

Kitty Tron by billster47, 5-0 Pauper League 14/03/2018

Creatures (15)
Glint Hawk
Kor Skyfisher
Palace Sentinels
Thraben Inspector

Spells (26)
Kaervek's Torch
Electrickery
Lightning Bolt
Prismatic Strands
Reaping the Graves
Ancient Den
Alchemist's Vial
Expedition Map
Prophetic Prism
Journey to Nowhere
Oblivion Ring
Lands (19)
Bojuka Bog
Kabira Crossroads
Scoured Barrens
Urza's Mine
Urza's Power Plant
Urza's Tower
Wind-Scarred Crag

Sideboard (15)
Electrickery
Gorilla Shaman
Kor Sanctifiers
Lone Missionary
Pyroblast
Relic of Progenitus
Serrated Arrows
Standard Bearer
Ulamog's Crusher

Billster47’s deklist is somewhat a Big Boros Monarch; here Prophetic Prism is a value engine for Kor Skysher and not for Ghostly Flicker.

Another Control Tron version is Izzet Tron, the most common controllish style Tron before the print of Pulse of Murasa.

Izzet Tron by qbturtle15, Top8 Pauper Challenge 26/05/2019

Creatures (8)
Mulldrifter
Ulamog's Crusher

Spells (28)
Compulsive Research
Firebolt
Flame Slash
Rolling Thunder
Condescend
Lightning Bolt
Mana Leak
Prohibit
Expedition Map
Prophetic Prism
Lands (24)
Haunted Fengraf
Island
Lonely Sandbar
Mountain
Shimmering Grotto
Swiftwater Cliffs
Urza's Mine
Urza's Power Plant
Urza's Tower

Sideboard (15)
Annul
Earth Rift
Electrickery
Gorilla Shaman
Hydroblast
Pyroblast
Relic of Progenitus
Swirling Sandstorm

This version is not a Prison deck. It’s way similar to a a Tap-Out Control or a Combo-Control and the key cards are Ulamog’s Crusher and Rolling Thunder.

These old Tron flavors are still playable, but they usually are bad in the current metagame, because it’s faster compared to 4-5 years ago and due to the presence of Flicker Tron, the worst MU for these kind of strategies (alongside Ux Delver).

How to beat it

Fog tron is consistent having access to high number of similar effects (Stonehorn Dignitary and Moment’s PeaceEphemerate and Ghostly Flicker) and it has at its disposal enough card draw to seek the right cards to play around opponent’s distruption plan.

Morover, have the Tron completed is not mandatory to win. For example against aggro not missing land drop and draw 3 key pieces is enough (Stonehorn DignitaryEphemerate e Mnemonic Wall)

To beat tron we have two solutions:
  • Win at or before turn four
  • To have a lot of disruption and a good clock (mainly counterspells)

Sadly, the meta has lost aggressive blue decks due to Gush ban that used to and could have had a great matchup in Tron. At the same time, Ephemerate is a cheap value engine that eases to have a progressively value over the game.
Let’s try to look at the archetypes usually Tron suffers: Stompy, RDW, Elves e Affinity.

Burn in my opinion is a matchup that highly depends on specific hate cards (lifegain and counterspells), so is not really negative. If you have enough answers, is favorable.

Stompy can close the game at T4 but hate like Lone Missionary helps and the matchup is mostly balanced if even not favorable to Tron.

RDW, Elves e Affinity are explosive fast decks that can deal direct damage from hand or with hard to deal spells and hate cards.(Flaring PainViridian LongbowRelic of Progenitus, ecc.).

 

Kind of disruption:
  • Counterspells
  • Discard effects
  • Graveyard hate

Counterspell and Pyroblast are really good against Flicker Tron using early game threats like Delver of SecretsGurmag Angler e Ninja of the Deep Hour to clock. Affinity, thanks to its sideboard  (Pyroblast and Dispel) is probably the best disruption + clock deck right now. This due to the fact that Ux Delver/Faeries are bad positioned in the meta against midrange strategies Boros (Monarch e Bully) and fast aggro decks..

Tragic Lessons plus Mystic Sanctuary seems a good alternative to Gush; and in combination with Deprive with a  good race, allows to play a favorable gameplan against Flicker Tron, but it has to be seen how those strategies will perform against the rest of the field.

Izzet Faeries by Apa19, Top8 Pauper Challenge 25/11/2019

Creatures (18)
Augur of Bolas
Faerie Duelist
Faerie Seer
Ninja of the Deep Hours
Spellstutter Sprite

Spells (23)
Ponder
Preordain
Brainstorm
Counterspell
Deprive
Fire // Ice
Lightning Bolt
Skred
Tragic Lesson
Sideboard (19)
Ash Barrens
Evolving Wilds
Mystic Sanctuary
Snow-Covered Island
Snow-Covered Mountain

Sideboard (15)
Blue Elemental Blast
Curse of Chains
Dispel
Echoing Truth
Electrickery
Gorilla Shaman
Red Elemental Blast
Stormbound Geist
Swirling Sandstorm

Usually cards like Duress or Divest are not good enough itself; like Tempo strategies a treath such as Okiba-Gang Shinobi is a nice card, despit its mana cost it gives Bx decks away to interact and clock Flicker Tron.

Sadly, after Gush ban, explosive combo decks that pray on Tron’s lack of interaction in early turns (UW Tribe, Izzet Blitz, Infect) are underplayed due to Bx Midranges and/or WR Midranges.

Impact on the meta

Both Flicker Tron and Monarch mechanic are, from my point of view, elements that remove entire strategies from the Pauper format.

Monarch erase automatically all the control and midrange decks that are not able to play and protect the Monarchy or that try to rely their card advantage on other cards. In addition midranges monarch decks limit aggro and combo decks in the format.

I wish to point out that the presence of both Tron and Monarch are the main reasons Ux Land-Go Control is not playable. Moreover, the combined presence of WR and Bx midrange decks limit aggro and combo decks to non-interactive and/or extremely fast builds (Burn, just for example).

That being said, best decks in the meta are probably Affinity, Elves e Burn, then followed by Boros, Dimir Angler/Delver and Stompy.

 

It is mandatory to underline that Flicker Tron is a deck that easily draw in paper and times out on MTGO. This is probably why the results on MTGO and in Paper magic are made by the same expert player of the archetype. This is probably why the deck seems underplayed currently.

Apparently Pauper meta is evolving to face the two dominant strategies (Tron and Monarch) and right now the only innovations are Izzet Faeries e Dimir Angler with  Mystic Sanctuary. Probably the meta could evolve more in the future.

Conclusions

Actually we cannot value if Flicker Tron wil get the ban axe soon because we have not enough data.

We have low number of big paper tournaments, but all of them shows a balanced meta. On MTGO our best (or only) data are Castle of Commons ones for challenges (thanks a lot for you work!).

My personal opinion is that the deck is too consistent and the problematic cards are Ephemerate e (secondly) Mulldrifter.

Why Mulldrifter? It’s the best card itself in the deck and the one, alongside Mystical Teachings, that allows it to be consistent and redundant.

Neverthless, the magic elemental fish is not the real deal.

Ephemerate is unbalanced, way too efficient, both as converted mana cost and as a way to play around graveyard hate and removal spells.

The format is based on Palace Sentinels, MulldrifterEphemerate and how to deal with those cards.
If @Wizards think there must be a ban, those are the place where start.

Come ti banno l’Arcum’s Astrolabe

Come ti banno l’Arcum’s Astrolabe

Articolo di Alessandro Moretti

Lunedì 7 ottobre verrà aggiornata la Banned & Restricted List di MtG, negli ultimi mesi nella community internazionale si è tornati a parlare della necessità di bilanciare il formato e noi abbiamo diversi scenari che si aprono alle porte.

Questo perché il Pauper attuale, parlando soprattutto del metagame online vede una grossa presenza di strategie basate su Ghostly Flicker e su Ephemerate, che possiamo racchiudere nei due insiemi più rilevanti come Jeskay Blink e Flicker Tron. Questi due macro-archetipi limitano i midrange ed i control giocabili, apparentemente.

Le prime domande che ci dobbiamo fare riguardano il ban stesso: è necessario? siamo ad un punto in cui non c’è altra soluzione?

Premessa: io ho una mia opinione a riguardo, ma penso che sia necessario fare un discorso più ampio, andando a giustificare i pro ed i contro a riguardo di ogni scenario di cui andremo a parlare.
Non è mio interesse accusare nessuna figurina e mi piace il meta attuale, oltre a questo mi piace speculare sul meta e analizzarlo.

Metagame Pauper post Modern Horinzons

Recap storico:

Gush, Daze e Gitaxian Probe hanno da poco salutato il formato, ma esce una nuova espansione (un Masters set praticamente) che non presenta carte già legali in modern ma solo ristampe dal legacy o carte completamente nuove di stampa.

Con l’uscita di scena di UB Delver, ci aspettiamo tutti Boros Monarch, Boros Bully e Flicker Tron come i 3 archetipi dominanti e, di conseguenza, Mono U Delver e UR Delver non presenti in meta a causa dei Boros Midrange decks.

Winding Way, Savage Swipe e Arcum’s Astrolabe sembrano le migliori carte dell’espansione e nessuno inizialmente pensa che Ephemerate possa essere migliore di Ghostly Flicker in molte situazioni, paragonandola solo a Cloudshift per via del costo di mana e dell’effetto (escludendo rebound ovviamente).

Inizialmente vediamo un impatto sul formato prevalentemente a carico di Arcum’s Astrolabe in Tron (arrivano liste con 8 copie di Prophetic Prism), Boros Monarch, Orzhov Monarch e un concept alternativo a Orzhov e Corrupt Control che prenderà il nome di Chromatic Black che utilizza 8 prismi, Glint Hawk e Kor Skyfisher.

Arcum’s Astrolabe, grazie al buon cmc riesce inoltre a portare alla ribalta la combinazione di colori Jeskay, non più come il vecchio Kuldotha Jeskay ma in chiave più aggressiva.

In seguito all’esplosione di diverse versioni di Jeskay (una versione midrange con le fatine ed una Control che praticamente sfrutta Astrolabe solo come manafixer e non come value engine, escludendo le 3-4 copie di Kor Skyfisher md) vediamo un ridursi molto importante di mazzi come Boros Bully, Boros Monarch e tutti i Bx Midrange e Control che non riescono a gestire bene il late game contro Jeskay e Tron.

L’assenza di archetipi col nero e la naturale predisposizione degli archetipi Aggro verdi verso UR (e la mancanza di Elves) rende il meta molto favorevole a Mono G Stompy e Aura Hexproof.

Tron e Jeskay, due facce della stessa medaglia

Il macro-archetipo Jeskay (potremmo distinguere una versione midrange e una control; nel caso non dovesse arrivare la ban axe scriverò un articolo specifico) è considerabile in breve come un mazzo da mid-/late-game, che presenta l’adagio italiano del “50-50 da tutti” e che può ripartire dal nulla con un topdeck nel mid-late game grazie alla combinazione di Mulldrifter, Archaeomancer e Ephemerate.

Flicker Tron sfrutta un identico motore di value, ma al momento, più che un ruolo tradizionale di Control deck, cerca di proporre una strategia esclusivamente orientata su un game Lock/Prison di Mnemonic Wall con Ephemerate o Ghostly Flicker, accelerando la partita verso la terza fase del game grazie al mana ramp delle urzalands. A differenza di Jeskay, vediamo che Ephemerate performa peggio a causa della mancanza di counterspells in numero adeguato (le liste attuali soffrono una interazione eccessiva da parte dell’avversario), mentre Ghostly Flicker rimane prestante e può reiterare molto più spesso doppio manarock così da essere una carta molto più utile e versatile rispetto al meta pre-MH1.

Il late game di un “mirror di ephemerate/flicker” è oramai caratterizzato dal cercare di raggiungere per primi il Blink Lock, dato che una volta che riusciamo ad avere una risposta extra a turno in mano grazie ad Archaeomancer / Mnemonic Wall + Ephemerate il game è molto spesso vinto.

I colpevoli

Arcum’s Astrolabe: inizialmente il miglior manafixer di mtg per Legacy, Modern e Pauper (dopo Mox Opal e simili) è stato additato di ledere la varietà del formato. La combinazione di Kor Skifisher, Glint Hawk e Arcum’s Astrolabe provvede a tutti e ad un costo irrisorio delle validissime ed economiche creature ed un manafixing ottimale.
Esempio di questa febbre di astrolabio sono Orzhov Monarch, Chromatic Black e Aura Hexproof.
Oltre a questo, il manarock sarebbe colpevole di fornire un manafixing troppo efficiente, rendendo possibile giocare dei veri e propri good stuff value deck con 3 o più colori.

Kor Skyfisher: è la creatura migliore che possa generare value con AA. In realtà penso si possa escludere a priori un ban di questa carta che, pur essendo versatile, può essere considerata al pari di Augur of Bolas, il che significa che è un ottimo body se comparato al cmc, ma non appare problematico per la salute del formato.

Ephemerate: indagato numero 1, le sue qualità hanno letteralmente permesso a UR Flicker di risorgere e diventare Tier1 (l’attuale Jeskay Control).
I punti a favore, rispetto a Flicker:

  1. Gioca attorno a Relic of Progenitus grazie a rebound. Ephemerate viene esiliata quando la lancio dalla mano, questo vuol dire che posso salvare carte al cimitero grazie ad essa e che può essere esiliata solamente eliminandomi tutte le creature in campo o eliminando il cimitero dopo il rebound.
  2. Non necessita di due creature in campo. Ghostly Flicker necessita di due muri (o archeomanti) per riprendere 1 carta dal cimitero, Ephemerate può funzionare con 1 sola creatura e può blincarla due volte.
  3. Costa sempre e solo 1 mana. Enorme vantaggio tempo rispetto a GF, non necessita di build specifiche con Sunscape Familiar o urzalands.

I motivi per desiderare di rimuovere questa carta sono due: Mulldrifter e Archaeomancer/Mnemonic Wall.
Il pesce magico può fare una delle giocate più odiate del Pauper 2019: t4 evoke drifter pesco 4, t5 pesco altre due carte a gratis. Spesso il mirror di Jeskay può venir vinto così.
Muro e maga ovviamente creano un Lock; più tempo passa più il vantaggio generato da Ephemerate in questo scenario aumenta e allora difficilmente si riesce ad uscirne.

Urzalands: se da un lato Jeskay può risultare costrittivo per il metagame, dall’altro la macchina di value e fog effect nota come Tron (ovviamente mi riferisco alle versioni che abusano del lock di Mnemonic Wall e GF/Ephemerate) è ancora una strategia valida e anzi rimane assieme a Jeskay una delle due strategie dominanti. Se da un lato vogliamo rimuovere dal formato Ephemerate per uccidere Jeskay, con Flicker Tron si corre il rischio di avere un archetipo overperformante rispetto alle soluzioni che altri archetipi possono giocargli contro.
In tal senso rimuovere dal formato Urza’s Tower, Urza’s Power Plant e Urza’s Mine è la soluzione migliore per rimuovere il problema chiamato Tron. Ma il problema dato dai Blink.deck (se un problema di questo tipo esiste) rimane, motivo per cui non lo ritengo utile.

Mulldrifter: può uno staple del formato diventare improvvisamente pesante per la salute di esso? Dipende dal bilanciamento del formato stesso. Solitamente la situazione che si genera attorno alla carta parte con l’essere critica o per lo meno viene aggravata da aggiunte (o fuoriuscite) dal formato. Se vogliamo metterla su questo piano quindi, Mulldrifter ha aumentato considerevolmente il suo power level a causa del ban di Gush.
Spieghiamoci meglio: gli archetipi naturalmente preposti per battere i control deck (jeskay ephemerate e flicker tron) con Mulldrifter erano mazzi con Gush (Ux Tempo e Ux Combo); questi ultimi soffrivano da Midrange col bianco o col nero per via di hate card specifiche.
Al momento possiamo dire che gli archetipi più performanti del formato sono quelli che riescono meglio a blinkare Mulldrifter, creatura che di per sè uccide Midrange e Control che non possono fare un card advantage al pari un mazzo che può blincare l’elementale.

Ghostly Flicker: ultimo dei sospettati è l’instantaneo che nessuno pensa sia bannabile dato che esiste Displace. Ebbene, possiamo dire che Displace è nettamente inferiore a GF non potendosi riciclare rimbalzando doppio artefatto (Prophetic Prism e Arcum’s Astrolabe), non può salvare prisma da Smash to Smithereens e terra da Molten Rain e non può permettere giocate come blincare torre e prisma per ciclare a gratis la spell. Adesso si giocano anche 3 o 4 copie di GF per via della sua flessibilità, avrebbe senso farlo anche con una sua versione non flessibile?

P.S. Benvenuto Mystic Sancturary, vedo che in Familiar te la cavi bene per pescare il mazzo con drifter, flicker e due famigli.

Scenari

Appurato quali sono le carte sulle quali discutere, capiamo quale combinazione di queste potrebbe doverci dire addio. Sempre se, come già detto, sia necessario un ban.

Tesi: un Ban è necessario.

Il formato è dominato dal Lock di Ephemerate o Ghostly Flicker, se vuoi giocare un mazzo deve lockare con un Mnemonic Wall / Archaeomancer o vincere prima che l’avversario possa lockare.
I mazzi con Ephemerate possono giocarsela con tutti perché dal nulla possono vincere al top deck blinkando un muro o un drifter.
Non si può giocare il colore nero e mazzi come Boros Monarch sono comunque al limite del giocabile e solo perchè molte persone giocano Aggro per stare bene da Jeskay.

Antitesi: non è necessario nessun Ban.

Il meta si deve assestare, possono uscire nuove carte capaci di neutralizzare Ephemerate e comunque sono già presenti nel formato carte e strategie che stanno bene da Ephemerate.deck.

Un meta ricco di mazzi come Stompy o Elfi non è brutto e comunque Jeskay vince poche Pauper Challenge o tornei cartacei.

#1: solo Ephemerante

Modern Horizons ha generato un metagame piuttosto particolare, Jeskay è la shell più giocata e ciò che lo rende performante sono l’insieme di risposte che può offrire e il Lock di Ephemerate.
Bannare unicamente Ephemerate porta a non avere più Jeskay Blink (la versione control) tra i tier 1, semplicemente Ghostly Flicker costa 2 mana extra ed 1 creatura in più (questo secondo fattore decisamente più rilevante).
Jeskay Midrange rimane giocabile ma perde un buon late game (per quanto Mulldrifter rimanga ampiamente giocabile), tornano Orzhov Monarch e Boros Monarch e di conseguenza Aggro e Combo diventano meno performanti. Tron passa ad una versione con più interazione e/o manipolazione e meno orientata su Stonehorn Dignitary.

In questo scenario c’è il rischio di trovare nuovamente un meta dominato da un numero limitato di strategie, questa volta Flicker Tron e Wx Monarch.

#2: solo Arcum’s Astrolabe

Per come si è sviluppato fino ad ora il meta, bannare il mana rock non è utile al momento. Depotenzia la manabase di Jeskay e Tron, ma li lascia ancora molto giocabili, per quanto meno flessibili o brainless (se permettete il termine). Bannare astrolabio avrebbe senso solo come misura preventiva nel caso anche altro venisse bannato e si volesse ridurre la quantità di Kitty deck in meta (compresi Boros e Orzhov).

#3: solo Mulldrifter

Bannare solo Mulldrifter sarebbe una scelta dettata unicamente allo scopo di lasciare presente nel meta delle forti strategie Blink (Fog Tron e Jeskay Blink), ma depotenziandole in modo da aprire la strada al ritorno dei mazzi midrange che non usano il blu e Mulldrifter.
Voglio sottolineare che il gameplan value che mazzi come Tron adottano si basa unicamente o prevalentemente su Mulldrifter.

#4: Ephemerate, Arcum’s Astrolabe e Urzalands

Chi propone il ban di questa combinazione di carte vuole depotenziare sia Jeskay che Tron, tralasciando però gli altri Blink.deck e volendo depotenziare strategie Blink e Kitty, ritenendo probabilmente un errore la presenza nel formato di mazzi tricolor o 4c.
Per quanto possa sembrare strano, archetipi come Kuldotha Jeskay, Mardu Metalcraft o Grixis Metalcraft erano scelte di meta molto in voga 4 o 5 anni fa. Il manafixing ovviamente era dato dalla combinazione di Prophetic Prism e taplands e il metagame era più lento.

Questo ban rischia di premiare unicamente gli archetipi Monarch. Per quanto archetipi come UB Flicker o UB Alchemy possano tornare in voga, rimangono Control deck con un motore di card advantage nettamente inferiore al monarca per efficienza e il rischio quindi risulta essere semplicemente quello di avere un formato dove si possano giocare solo Monarch o anti-Monarch, il che non differisce dalla situazione attuale, dove il problema viene identificato sotto forma dei mazzi Blink.

#5: Ephemerate e una tra Mulldrifter e Ghostly Flicker

Se dovessi pensare ad un ban per il metagame attuale, questo è quello che ritengo la soluzione migliore per cercare di generare un metagame più vario e bello da giocare.
Ephemerate crea snowball imbarazzanti dai quali non si può uscire a meno che l’avversario non abbia almeno 2 o 3 risposte o carte extra a turno e tagliandolo riduciamo partite non giocate dove l’avversario Locka il game o pesca 6 carte mettendo un body evasivo ad un costo di mana ed una velocità sbagiate per la qualità delle risposte o dei threat che gli possiamo giocare contro.
La scelta tra Mulldrifter e GF verte su cosa si vuole ridurre di importanza nel formato. Mulldrifter è una carta universale che genera value in qualsiasi situazione e non è risolutiva solo quando neutralizzata o quando non si ha abbastanza mana a disposizione (e ovviamente non ci peschi una soluzione in una soluzione critica).
Bannare Mulldrifter vuol dire rallentare i Control deck e limitare lo snowball (cioè il vantaggio crescente e non recuperabile) che un mazzo basato su Ghotsly Flicker (Flicker Tron, Familiar) può generare.
Bannare Ghostly Flicker serve solo per limitare i Flicker deck e da solo probabilmente non ha valore, necessitando per forza del ban anche di Mulldrifter per avere un impatto sufficientemente valido. Ricordiamoci comunque che potendo bersagliare anche carte come Arcum’s Astrolabe e Mystic Sanctuary, GF rimane una spell estremamente versatile che rispetto a Displace può essere affrontare al meglio solo giocando counterspells ed hate specifico.

Conclusioni

La mia idea è che nel giro di 6 mesi o 1 anno vedremo la necessità di bannare almeno una carta che permette alle strategie basate sui blink effect di essere dominanti e le motivazioni sono in realtà più semplici di quanto possiamo pensare.
Io, non stoico, ritengo che il precedente ban di Gush abbia sbilanciato il formato; per quanto Dimir Delver fosse chiaramente un problema, ci siamo trovati senza il miglior tipo di strategie per contrastare i mazzi che nel late game cercano di sfruttare al massimo Mulldrifter e con Ephemerate che aiuta questi mazzi a spostare fuori dal meta mazzi come MBC e Boros Monarch che giocano carte altrettanto impressionanti come Palace Sentinels e Thorn of the Black Rose.

Sapendo come solitamente Wizards of the Coast si muove a riguardo di questo tema, la mia previsione per il 7 ottobre vede due scenari possibili:

  • No change, ma probabilmente alcune carte saranno sotto osservazione.
  • Ban di Mulldrifter, Ghostly Flicker ed Ephemerate.
    Considerando anche la stampa di Mystic sanctuary ci troviamo ad avere Ghostly Flicker che diventa un qualcosa di completamente fuori misura rispetto a Displace.
    Mulldrifter è un card draw engine E una chiusura.
    Ephemerate è de facto un Lock di due carte con Archaeomancer.

Se dovessi scegliere io invece, preferirei un formato dove Mulldrifter sia legale e non si possa abusarne, per cui preferirei che fosse Foil a venir bannata anziché Gush, cosìcché con Gush e Mulldrifter legali, solo Ghostly Flicker ed Ephemerate, i due blink effect problematici, potrebbero salutarci.

Analisi del ban di Daze, Gush, Gitaxian Probe

Analisi del ban di Daze, Gush, Gitaxian Probe

Articolo di Alessandro Moretti

20 maggio 2019, un ban era preannunciato da tempo, ma non è arrivato da solo: Gush, Daze e Gitaxian Probe non sono più legali. E conosciamo il mazzo colpevole.

Questa volta WotC spiega con precisione le sue scelte, però voglio dire la mia su due punti, qui comunque trovate il link e ciò che, in inglese, ci viene comunicato con l’annuncio:
https://magic.wizards.com/en/articles/archive/news/may-20-2019-banned-and-restricted-announcement

Le motivazioni in breve: l’insieme degli Ux Tempo, cioè Mono U Delver, UR Delver, UB Delver (ed eventuali altri archetipi riferibili a questo gruppo) sono praticamente sotto osservazione da molto tempo, però le strategie più aggressive (i mazzi Aggro, nda) li hanno limitati nelle loro performance; l’aggiunta prima di Augur of Bolas e poi dell’arrivo della combinazione Foil+Gush ha reso migliori questi archetipi, portando Dimir Delver ad avere una winrate sul meta del 55% o maggiore.
La ban axe scende su queste 3 free-spell per non andare ad intaccare il core Brainstorm-Preordain-Ponder.

Palace Sentinels e Thorn of the Black Rose non sono stati rimossi perché dai dati di MTGO Boros Monarch, Boros Bully e Orzhov Pestilence non risultano essere problematici al momento.

La mia opinione: Dimir Delver era esageratamente presente, MTG Goldfish lo segna a quasi il 25% del meta (magari non sarà preciso, ma è indicativo della presenza e delle performance dell’archetipo) e se considerate che le carte eliminate andavano a potenziare i due archetipi Faeries di riferimento (UR Delver e Mono U Delver) che erano altrettanto performanti essendo, fino a domenica, anche loro considerabili come tier1 diviene chiaro del perché siano tagliate fuori.
Bannare contemporaneamente queste 3 carte è un segno che Wizards bene o male si interessi maggiormente al formato, perché punta a rimuovere tutti gli elementi (da lei individuati) che renderebbero il formato sbilanciato rispetto agli standard che si aspetta per esso.

Una cosa che voglio precisare e che ritengo importante per capire perché abbiamo visto un ban così grande, è che gli Ux Delver semplicemente non avevano (o non hanno) una singola carta troppo forte che andava a rendere l’archetipo un qualcosa di sbilanciato, ma bensì era (o è) l’insieme di molte carte fin troppo efficienti, che rendevano Dimir Delver fin troppo efficiente per il formato.

Non rimuovere le carte con Monarch risulta però a mio avviso una scelta sbagliata, dato che la meccanica tende inevitabilmente a warpare il formato e a creare delle situazioni di non-gioco e di sub-game alà Shahrazad. Parleremo dei possibili sviluppi del meta a fine articolo.

Caso per caso

Gush

Partiamo dalla carta più discussa: magia che fin troppo spesso vedevo giocata malamente (Gush in end o Gush andando in discard di spell senza motivi precisi), aveva il lato positivo in assenza del land-drop di turno di “aggiungere” 1 mana temporaneamente.
I motivi per cui non è più legale sono però relativi all’interazione con Foil (de facto permette di annullare il drawback del counter) e al fatto che non richiedendo un costo di mana permetteva di non accelerare di almeno un turno alcune giocate, permettendo di usare il mana delle due isole per giocare altre spell.

Da parte mia sono propenso a dire che sarebbe potuta rimanere nel formato, ma avrebbe necessitato il ban di qualcos’altro perché ciò potesse succedere.

Daze

Devo dirmi non sorpreso da questo ban, Daze era infatti nella mia lista delle carte avrebbe potuto essere bannata e questo per motivi abbastanza logici se guardiamo all’insieme della shell dei soliti Ux Delver.
Vorrei inoltre far notare che, con Gush bannato, Daze avrebbe comunque permesso a Foil di essere ancora giocabile, anche per via della presenza di Ash Barrens, Daze permetteva di riprendersi in mano l’isola per Foil 1-2 turni prima oppure lo stesso turno giocando il counter a costo 2 praticamente a vuoto.

Daze è stato letteralmente sacrificato per lasciare Delver of Secrets nel formato.
Dato che wizards ha deciso di mantenere il core degli archetipi Aggro-Control del formato, la scelta di non bannare Delver segue questa linea.
Quello che dico è che banalmente Delver e Daze non possono coesistere in un formato dove le rimozioni mediamente costano due mana (Doom Blade, Journey to Nowhere, ecc.); un delver risolto nei primi turni, con sempre almeno 1 counter di backup è, oltre che noioso a giocarci contro, estremamente perfomante laddove le tue spell costano 1 mana, quelle dell’avversario due e lui oltretutto gioca tutto con 1 o 2 turni di ritardo a causa di varie tapland e per giocare attorno a Daze.

Gitaxian probe

Io rimango ancora colpito dalla sparizione di git prob dal formato. Gitaxian Probe non alimenta, in Pauper, particolari combo o interazioni come in Legacy (Cabal Therapy, Monastery Mentor) ed essendo il formato particolarmente carico di risposte efficienti, non è come il Modern in cui informazioni cruciali permettono di portare a casa la partita entro il terzo turno.

Consideriamo Mono U Delver, UB Delver ed UW Tribe: le informazioni fornite da Gitaxian Probe sono rilevanti qualora non sapessimo cosa potremmo aspettarci. E per questo motivo io la vedo come una carta non preoccupante e subottimale rispetto ad altre scelte (es. altri cantrip o spell permissive).
D’altro canto però, Gitaxian probe elimina il gap tra un giocatoreche ha più conoscenza ed uno che per inesperienza o altro non sa contro cosa giocare. E questo è il motivo principale per cui la carta è letteralmente mal vista da chi l’ha creata: fornisce informazioni “gratuitamente” e permette di fare giocate che altrimenti non ci si sarebbe azzardati di fare senza di esse.

Un altro motivo è che la carta accelera la partita. Gitaxian permetteva di giocare Gurmag Angler già di terzo turno in UB Delver, perché andando al cimitero senza pagare mana rampava, rendendo ancora più pressante il tier1.
La sonda era inoltre staple in una fetta rilevante di liste di Burn potendo andare a fare Ghitu Lavarunner rapido al secondo turno un maggior numero di volte.

Infine uno dei motivi che penso abbiano portato al ban di questa carta è l’idea di wizards of the coast di non lasciare ulteriormente questa carta in un formato dove le strategie aggressive col blu (vedasi ad esempio la lista di Mono U Prowess ultimamente uscita su MTGO) o i combo più spinti potessero abusarne. Cosa che però deve aver sottovalutato WotC è che i Combo che usavano GP sono estremamente mal posizionati in un meta di Boros Monarch e Orzhov Pestilence quale probabilmente verrà fuori post ban.

Meta futuri

Il re del pauper

Di base l’aspetto del formato regredisce alla situazione di circa 1 anno fa, quando Ultima Masters e Foil non erano ancora uscite.
Ad un meta orientato su Boros Monarch e Stonehorn Tron ci aggiungiamo Burn (ricordiamoci che molte liste giocavano anche senza Gitaxian Probe), Boros Bully (tier uscito all’incirca nel periodo di UB Delver) e Orzhov Pestilence (MU tutt’altro che negativo contro Boros).

Da questa prima idea di metagame possiamo già dire che mazzo come RDW, Stompy o Elfi non sembrano avere vita facile.
Ci aspettiamo una maggiore presenza di Aura Hexproof ed un ritorno di Affinity (per l’ambiente online) ed una presa di posizione più netta per Affinity Monsters ed Affinity per il meta cartaceo.

Probabilmente mazzi come Rakdos Monarch e MBC saranno ancora presenti.

Izzet Delver non credo sia morto, probabilmente ci si sposterà verso una lista più orientata verso il mid-/late-game, una lista più grindy.
La scelta più logica in assenza di Gush sembra Deep Analysis, ma Phatom Seer è una alternativa (ereditata da Mono U Weenie) che non sembra scontata, per quanto inevitabilmente più lenta di almeno un turno rispetto alla versione instant.
Le ultime liste di Mono U Delver perdono molto, ultimamente ero molto orientate su Daze e Foil, segno probabilmente che la shell del 2014 che puntava sui counter secchi (Deprive e Logic Knot) piuttosto che sulle free spell (Mutagenic Growth e Daze) non è adatta al meta attuale, dovendo contendersi il posto con UR Delver.

La mia opionione è che il meta tenderà inevitabilmente ad essere più favorevole per i mazzi Monarch.
Potremmo benissimo considerare Stonehorn Tron e Dinrova Tron le migliori scelte del metagame, però inevitabilmente, per contrastare questi archetipi che puntano al late-game, i mazzi che occupano posizioni d’aggressore sul meta saranno i mazzi più lineari e/o esplosivi, che tendenzialmente sono MU difficili o negativi per le shell di Tron che invece puntano ad avere poche risposte 1×1 e si basano prevalentemente su un gameplan Lock.

Pareri finali

Unleash the Crila (cit.)

Confrontiamo le mie idee con quelle di Crila Peoty (alias Pietro Bragioto):

Questi Ban hanno superato lo scenario peggiore che avevo in mente, in negativo.
Di peggio non si poteva fare per rovinare il formato.
Augur of Bolas e la meccanica Monarca sarebbe stato troppo bello per essere vero.
Ma andiamo con ordine cercando di essere razionali nonostante l’amaro in bocca:

  • Il teorico:
    puoi anche essere una leggenda vivente come Ian Duke e metterci tutto il buon senso di questo mondo, ma quando non giochi e non testi il formato è difficile capire.
    Bannare basandosi sui sentito dire e teorizzando trasversalmente sul Magic, di certo troverà l’appoggio dei whiner e dei fautori del cambiamento ma raramente avrà una buona lungimiranza.
    Bannare utilizzando la logica che le free spell siano un male può andare bene per i formati come il Modern dove si vedono pure i control con le Surgical di main, ma quando un formato si avvicina di più ad un gameplay da Legacy bisogna avere i guanti di velluto e vedere cosa è veramente dannoso per il meta e cosa rende il gameplay unico, skill intensive e divertente.
  • Salti Logici:
    “UB Delver giocava a Legacy in Pauper”
    “Gush è legale solo in Pauper, ovunque è bannata”
    Queste belle frasi d’impatto soffrono di incoerenza logica: i formati sono isole a sé stanti e non vedo motivo di compararli, ognuno di loro ha il suo delicato ecosistema ed una carta può benissimo andare bene per un ambiente mentre risulterebbe cancerogena in un altro.
    Gush darebbe luogo alle peggiori mestizie se fosse legale in Legacy per le carte che quel formato ha e per l’aspetto combo esagerato che ne verrebbe fuori, ma questo effetto non è lo stesso che il getto d’acqua ha in Pauper e fare questi salti logici è dannoso ad un buon ragionamento.
  • Il potere:
    perchè non è solo il power level della carta in sé che conta ma il suo effetto nel formato, se Gush in Pauper rende competitivi Combo oneshot e Tempo.deck questo è un bene, se questi ultimi hanno una dimensione oppressiva anche in mid game e possono giocare a far i control grazie ad Augur of Bolas, questo è un altro paio di maniche.
    Brainstorm è la carta più forte del Legacy da sempre avvicinandosi pericolosamente in alcuni casi al santo Ancestral Recall, ma la carta è ancora nel formato nonostante vari whiner perchè dà luogo ad un gameplay skill-based e caratteristico del formato che lo rende unico.
    Deathrite Shaman non si avvicinava minimamente al Power Level di branza ma è stato bannato perchè soffocava e limitava la giocabilità del formato, portando allo strapotere di 4 color.
    In quel caso la Wizard ha seguito il formato nello specifico senza teorizzare e generalizzare, non bannando seguendo il power level ma colpendo ciò che limitava il meta e la giocabilità, anche se ciò andava contro il sentire comune.
  • Tagliare senza potare:
    “Non se poteva più dei Delver deck!”
    “Finalmente posso giocare i miei mazzi!”
    Molte persone vogliono cambiare, ma una volta che vengono ascoltate ed hanno quello che vogliono, fanno i conti con un altro scenario: non si ha più la vita da eroe dell’opposizione, ma si viene messi di fronte alla realtà.
    Tagliare completamente dal meta i combo deck e rendere inoffensivi i tempo deck, rappresenta uno stravolgimento dell’ecosistema togliendo degli anelli alla catena.
    Bello fare le scimmie nella giungla lamentandosi del leone di turno, ma quando le nostre richieste si avverano ed il re muore, potreste rimpiangere il leone che tanto odiavate.
  • L’importante è divertirsi:
    Divertititevi a giocare le vostre 50 sfumature di Midrange, facendo la corsa alla corona ogni volta che troverete trono.
    Divertitevi a giocare aggro  in un meta di Strands e di nebbie sperando di schivarle.
    Divertitevi a giocare i vostri troni fatti di nebbia e counter perchè ormai le removal sono inutili, visto che hanno tolto one-shot e tempo.deck.
    Divertitevi a giocare il vostro mazzo alternativo in stile Burn / Bogles / Elfi / Affinity, ma ricordate che in un meta ristretto lo spazio di side non è risicato e ci si mette un attimo a settarsi contro la diversità.
    Divertitevi a rincorrere la corona rubandovela a vicenda, perchè l’unica cosa che conta di un gioco sono i suoi sub-games.

Abbiamo bannato Brainstorm quando il problema era Deathrite Shaman.
Ora abbiamo un look più Modern, ma la Legacy del formato è in discussione.

GG Adepto

Da parte mia invece concludo rinnovando la mia convinzione che la meccanica Monarch sia unfair e non divertente.
Palace Sentinels e Thorn of the Black Rose, per quanto siano un side-out contro Aggro o Combo che passano per la combat, rimangono carte che permettono di avere un vantaggio senza di fatto fare nulla.
Essere monarca premia la non interattività e promuove dei game dove non dobbiamo cercare di vincere ma dove invece dobbiamo cercare di ottenere lo status prima o al posto dell’avversario altrimenti perdiamo per inerzia, rendendo la partita esageratamente dipendente dal topdeck o dalle fasi iniziali del game, anche giocando un mirror di midrange che non puntano a chiudere di Delver of Secrets o Gurmag Angler.

Di per sé Monarch non limita gli Aggro, ma come l’insieme delle carte bannate da UB Delver erano complici nel renderlo il miglior mazzo aggressivo del formato, Boros Monarch e Boros Bully sono tra i migliori mazzi aggressivi del formato avendo Stonehorn Tron quale miglior mazzo da lategame.

Se vogliamo un meta maggiormente carico di mazzi Aggro e interattivi, probabilmente dobbiamo arrivare ad un punto in cui carte come Stonehorn Dignitary, Prismatic Strands, Palace Sentinels e Thorn of the Black Rose non sono più rilevanti o lo sono talmente tanto da dover venire bannate.