Un Ménage a tre magico

Un Ménage a tre magico

Il sottoscritto, Pietro Bragioto, ha smesso con la magia nell’ultimo periodo perché disgustato dalla pessima gestione del formato Pauper e per un gameplay costantemente imbruttito dal sistema di mana e terre caratteristico del gioco.

Nonostante ciò un evento ha riacceso in me una voglia assopita da tempo: l’annuncio del Team Trio a Rovereto!
Chi ha letto i miei scorsi articoli riguardo a questo tipo di torneo, conosce la mia passione a riguardo (link articolo); per gli altri consiglio la lettura e riassumo i perché adoro questo format:

Varietà:

Anche se il formato fosse in un brutto periodo con un meta sbilanciato, il best deck lo affronteremo al massimo in match su 3 durante il turno del torneo e, se ci fossero 2 o 3 best deck questi potrebbero avere carte in comune il che implica che la scelta di uno escluderebbe l’altro dalla line up del team.

Aspetto sociale:

Il fatto che non sei lasciato a giocar da solo contro il mondo e che hai accanto due compagni a tua scelta con cui condividere l’esperienza è, per la mia modesta opinione, un pro immenso che fa venir voglia anche ai meno competitivi di dare una chance a questa tipologia di evento, non conta unicamente quante partiti vinci singolarmente ma conta se il team riesce a strapparne 2 su 3 in un turno quindi si vince e se perde tutti insieme;

Fantasia:

La limitazione del “non ci possono essere carte in comune tra i tre mazzi del team, fatta eccezione delle terre base” porta a sviluppi sul versante scelta dei mazzi o su quello del deckbuilding offrendo una dimensione che il mero 1 vs 1 non può avere.

Questo per dire che non importa se in questo periodo il Pauper o il Magic in generale non vi soddisfa oppure se non avete voglia di qualcosa di competitivo perché al Team Trio ci si deve andare, punto.
Non c’è davvero verso che non vi divertiate con i vostri due compari tra i tavoli!

Ora che siete mezzi convinti e carichi, passiamo alla parte più tecnica: come già fatto nelle precedenti puntate dividerò il meta in vari macro gruppi accomunati dall’uso di una staple limitante per la scelta dei mazzi.

Prophetic Prism


Affo
Tron
Boros Monarch

Carta storica che non ha mai visto una ristampa con un nome diverso è il prisma profetico senza il quale nessuno dei seguenti mazzi è giocabile.
Dato l’amore tipico della nostra penisola per Affinity o il diffuso feticismo di molti player italiani per Tron, mi aspetto che sia abbastanza comune incontrare team avversari aventi uno tra questi due storici archetipi.

U Based


Faeries
Familiar
UB Teachings
UB Delver
Ux Ephemerate

L’unico archetipo rilevante che è considerabile a base Blu ma si può permettere di non giocare Preordain e Counterspell è Tron: eccezione molto importante visto che gli amanti del blu potranno giocare nello stesso Team un mazzo con le fatine ed uno con le terre di Urza.

Lightining Bolt


Burn
RGx Cascade
Bully
Boros Monarch
UR Faeries
RDW

I rintocchi che scandiscono l’incedere della storia, non sono altro che art alternative di Bolt. Fulmine non è solo una staple ma la definizione stessa della parola staple.

Potrei andare con altre iperboli alla “Chuck Norris” ma penso di aver reso l’idea dell’importanza di questa semplice e criminalmente efficace carta, ogni mazzo con il rosso in Pauper ne fa difficilmente a meno e se pensate di rimpiazzarla per poterne giocare due archetipi a base rossa vi ricordo dell’esistenza di carte come Augur of Bolas, Kor Skyfisher, Thorn of the Black Rose, Thermo-Alchemist e Sarulf’s Packmate che non possono essere abbattute con due semplici danni.

Anche qui abbiamo importanti eccezioni come lo storico Affinity che si “limita” all’uso delle Galvaniche e il rampante Goblin Combo che non necessita di un’interazione come Bolt.

Fuori dal recinto


Una vasta categoria a parte che non necessita delle staple limitanti sopraelencate e che quindi fornisce grande flessibilità nella fase della scelta dei 3 archetipi. Cito alla rinfusa i mazzi più competitivi che mi vengono in mente, consapevole del fatto che sicuramente me ne dimenticherò qualcuno:

Aura
Stompy
Elfi
Infect
Muri Combo
Goblin Combo aka Moggwarts
Mardu Epherate
Pestilence
Heroic aka Pisellini
Soul Sisters
Turbo Fog
Cycle Storm
Storm
Mbc
Tramutanti

Ecco un mazzo interessante da portare nel proprio TEAM:

BR Goblin Combo INSIDEMTG, 6thPlace Pauper Pauper Challenge

Creature (14)
Flamewave Invoker
Goblin Matron
Goblin Sledder
Putrid Goblin
Skirk Prospector

Sorcery (8)
Faithless Looting
Night’s Whisper
Unearth

Instant (9)
Deadly Dispute
First Day of Class
Shred Memory

Artifact (8)
Chromatic Star
Ichor Wellspring
Nihil Spellbomb

Enchantment (2)
Makeshift Munitions

Land (19)
Drossforge Bridge
Forgotten Cave
Great Furnace
Mountain
Rakdos Carnarium
Swamp
Vault of Whispers
Sideboard (15)
Nihil Spellbomb
Abrade
Duress
Flaring Pain
Introduction to Prophecy
Krark-Clan Shaman
Pyroblast
Pyromatics
Shenanigans

Liste Pubbliche


Portare un mazzo lineare o particolare diverso dai soliti può essere un gran vantaggio con le liste pubbliche del torneo Pauperwave, vi faccio qualche esempio per spiegarmi meglio:

  • con Aura posso sapere quali e quanti pezzi di hate avrà il mio avversario consentendomi di non sidare tutte le carte contro hate andando a diluire troppo il mazzo ma mettendo soltanto quelle necessarie, sapere se il mio avversario con Bully gioca Standard Bearer o Patrician’s Scorn oppure se il mio oppo con UB gioca Echoing Truth e mi conviene giocarci attorno è fondamentale;
  • nei mirror di Faeries sapere dell’esistenza di alcune carte avversarie può portare ad interessanti play-around e a differenti modi di pianificare i turni futuri, parlo di carte come Bonder’s Ornament, Dispel maindeck, Lose Focus, Spell Pierce, Miscalculation, Force Spike, Duress, Monarchi di main e chi più ne ha più ne metta. La conoscenza di specifiche mono copie in questo tipo di mirror e le liste pubbliche in generale alzano il livello di skill nei game al posto del classico procedere passivamente a tentoni nel buio dell’ignoranza e del “potrebbe avere”, “chissà se lo gioca” o “chissà quante ne gioca e se mi conviene giocarci attorno”.

Sentitevi liberi di cospargere le vostre side di più 1x del normale per mindtrickare o mandare in confusione consapevoli avversari vittime della loro stessa conoscenza.

Ne ho sparate abbastanza per oggi, spero che questo articolo vi sia utile o almeno divertente e di portare convincere con esso anche solo un team in più a cogliere questa strana occasione annuale del team trio.

Inside the Challenge #65: il Rinculo del Meta

Inside the Challenge #65: il Rinculo del Meta

Articolo di Pietro Bragioto

I Numeri nudi e crudi

Sabato 27 Febbraio

  1. UR Fae (Mikhathara1994 8-1)
  2. Muri (Usama96 7-2)
  3. Tron (kasa Tron 6-2)
  4. Tron (Oscar_Franco 5-3)
  5. Tron (TomatoCheese 5-2)
  6. Cascade (medvedev 5-2)
  7. Cascade (Riuuk1 4-3)
  8. Tron (A_AdeptoTerra 4-3)
  9. Muri (LiturgijskaKnjiga 4-2)
  10. UB Fae (Beicodegeia)
  11. Tron (MatheusPonciano)
  12. Aura (zanoza)
  13. Elfi (c_is_for_cookie)
  14. Affinity (LuffyDoChapeuDePalha)
  15. Bully (Mogged)
  16. Cascade (SknerusMcKwacz)


Domenica 28 Febbraio

  1. Elfi (SambucoDeCulo 9-1)
  2. Bully (SuperCow12653 7-3)
  3. Burn (SickWorld 7-2)
  4. UB Fae (dragon7k 7-2)
  5. UB Fae (Mamah 6-2)
  6. Elfi (Akromes 5-3)
  7. Muri (MadMaxErnst 5-3)
  8. Cascade Tron (littledarwin 5-3)
  9. Cycle Storm (pokerwizard 5-2)
  10. Affinity (lollerstank)
  11. Tron (Modern_Monkey)
  12. Cascade (Sanchez5272)
  13. Tron (SanPop)
  14. Boros M. (ismaelstallone)
  15. Tron (kasa)


Considerazioni varie ed eventuali

Mentre Tron torna con numeri pesanti nella parte alta della classifica con ottime winrate superiori anche al 60%, i giocatori di fatine sembrano spostarsi in massa sul versante nero per non essere stompati da Bully, archetipo che in questo weekend ha subito un brusco arresto in quanto a performance visto solo 2 piloti tra la trentina di top-performer del weekend, fatto probabilemente dovuto ad un meta che comincia a divenire avverso per l’aumento di Troni, Muri ed Elfi a scapito del metashare di fatine.

Sembra quasi che il proiettile Bully che aveva bucato il meta nelle ultime 2 settimane sia in parabola discendente ed i suoi pistoleri abbiano la pistola in fase di rinculo.


Versione di UR Faeries già techata contro Bully di main con Relic ed Electrickery, dedicando parte degli slot solitamente occupati dalle Frantic ad opzioni per il mid e late game alternative: Bonder, Monarca blu e Behold the Multiverse.

Nessun’altra considerazione riguardo un archetipo di cui abbiamo parlato molto nell’ultimo periodo: volevo solo porre l’accento sulle possibilità che ci sono sulla parte attualmente personalizzabile del main, ossia gli slot dedicati al mid-late game, dagli ornamenti ai monarchi, dai Behold alle Frantic.

MU UR Fae 8-1:
Mono U 2-1
Jund Cascade 2-0
UR Fae 2-0
Cycle Storm 2-1

Muri 0-2
Elfi 2-0
Q: Jund Cascade 2-0
S: Tron 2-1
F: Muri 2-0



Finalmente un Tron Cascade arrivato in top8 di una Challenge!
Oltre agli astrusi calcoli di manabase e fonti colorati per lo split dei Signet e delle Lifeland, trovo abbastanza sconcertante un fatto in questa build: ci sono solo 2 Crop Rotation al posto che 4 e questo cozza con l’idea di base dell’archetipo.

Questo mazzo è un Cascade che minimizza la sua parte reattiva alle 3 Cannonate per andare all in sul value generato dai Cascanti fast grazie all’assemblamento del trittico; il problema avviene quando non si chiude Tron entro il quarto turno: i Signet certo aiutano a fare drifter o addirittura pirata entro il quarto turno ma contro tanti archetipi non è abbastanza.

L’imperativo di chiudere Trono prima possibile richiede 4 Crop Rotation oltre ai 4 Stirrings; anche l’assenza di totale di Bonder mi fa storcere il naso in quanto non abbiamo card advantage al di fuori di Drifter o di quella generata da cascate fortunate: non me la sento di dire che i Signet andrebbero rimpiazzati con gli ornamenti perchè la curva a 2 deve essere comunque coperta, tuttavia la build è da rivedere e almeno 2 bonder, se non il set, andrebbero inseriti.

MU Cascade Tron 5-3:
Bully 2-0
Burn 0-2
Bully 2-0
UB Fae 0-2

Bully 2-0
White Tron 2-1
Muri 2-1
Q: Burn 0-2



Non è una build di Jund Cascade classica, qui siamo di fronte ad un Jund Midrange che riempie di interazione gli slot riservati al pacchetto ramp ossia Arbor Elf e gli incanta-terra, limando addirittura dinosauri e Bonder.

Avevo trovato in passato uno o più interessanti articoli brasiliani che parlavano di un possibile sviluppo di un Jund Midrange in Pauper e di come Blightning sia la chiave di volta dal pacchetto di risposte vista la sua flessibilità nei vari Mu: personalmente capisco di come un Mind Rot con un upgrade spesso abbastanza ininfluente per questa tipologia di mazzo, possa spostare l’ago della bilancia nelle guerre di risorse ma stento a credere che quell’effetto scarto 2 a 3 riproposto nel draft di ogni espansioni sia giocabile in un formato eternal.

Le partenze esplosive e possibilità di slandare sono sacrificate per migliorare alcuni Mu creaturosi come Muri, Elfi e Stompy verso i quali la versione classica era abbastanza scoperta: ne vale davvero la pena?

MU Jund Midrange 5-3:
UB Fae 2-0
UR Fae 0-2
UB Fae 2-0
Temur Cascade 1-2
Aura 2-1
Muri 2-1
Q: Tron  0-2


Angolo delle Dichiarazioni

“Giocare burn è una cattiva scelta nel 99% dei casi. Questa domenica però gli astri sembravano allineati nel modo giusto. La massiccia presenza di bully ha intimidito le fatine e spinto mazzi che soffrono burn (elfi, muri, tron).
Bully stesso ha ridotto il lifegain per concentrarsi su mu più rilevanti.

Ho colto l’occasione di predare un meta impreparato e ho avuto fortuna.
Se vedete un meta polarizzato verso bully provate a registrare 4 lava spike.”

SickWorld aka Miori Stefano
Top 4 Challenge 28 Febbraio


Mu:
Muri 2-0
Cascade Tron 2-0

Tron 2-0
Bully 2-0
Elfi 2-0
Cycle Storm 2-0
UB Fae 1-2
Q: Cascade Tron 2-0
S: Bully 1-2

Inside the Challenge #64: Winds of the Storm

Inside the Challenge #64: Winds of the Storm

I Numeri nudi e crudi

Sabato 20 Febbraio

  1. Bully (Mogged 8-1)
  2. Elfi (c_is_for_cookie 6-3)
  3. Bully (rodeo 6-2)
  4. UR Fae (Mikhathara1994 5-3)
  5. Tron (A_AdeptoTerra 5-2)
  6. Aura (reizouko 5-2)
  7. UR Fae (dragon7k 5-2)
  8. Elfi (Walker735 4-3)
  9. Aura (Wizard_2002 4-2)
  10. Bully (Usama96)
  11. Muri (Cr0memox)
  12. Cycle Storm (Tyerube1618)
  13. Cascade (medveded)
  14. Burn (galeogiao)
  15. UR Fae (Mercenario)
  16. Tron (kasa)

Domenica 21 Febbraio

  1. Bully (Mogged 8-1 split)
  2. Bully (Haziel_Dagaz 6-3 split)
  3. UR Fae (Ezocratto1989 6-2)
  4. Bully (ziofrancone 6-2)
  5. Bully (Darthkid 6-1)
  6. Cascade (_Shatun_ 5-2)
  7. Burn (quinniac 5-2)
  8. Cycle Storm (TomatoCheese 5-2)
  9. Affinity (killersuv 4-2)
  10. Affinity (_against_)
  11. Cycle Storm (Bryant_Cook)
  12. UR Fae (dragon7k)
  13. Slivers (Joao Purga)
  14. Boros M. (ismaelstallone)
  15. Bully (rodeo)
  16. Tron (CinderDX)
  17. Cascade (gazmon48)
  18. Elfi (Akromes)
  19. Elfi (SambucoDeCulo)
  20. Affinity (LuffyDoChapeuDePalha)
  21. Stompy (SacredDevil)

Considerazioni varie ed eventuali

Nulla di nuovo sotto il sole, i trend della settimana scorsa sembrano continuare: Mogged con la sua fida build di Bully ha centrato il record di 4 finale di Challenge consecutive, mentre Tron continua a trascinarsi con performance sottotono con 3 presenze tra i 37 X-2 o meglio del weekend e solo una top8 ad opera del nostro Adepto.

In tutto questo, Cycle Storm sembra acquistare una buona popolarità grazie ai recenti piazzamenti di TomatoCheese ma soprattutto per la risonanza mediatica dei video YouTube di Bryant Coock, amante di Storm in ogni formato, che questa settimana ha giocato la sua prima Challenge Pauper finendo con un soddisfacente 4-2.

La chiave della sua versione di Cycle Storm a base nera con leggero splash rosso, consiste nell’adottare 2x di Tolarian Wind nel main per rendere meno mana expensive l’andare attraverso il mazzo in scombata evitando le spiacevoli situazioni dove abbiamo ancora ciclanti ma siamo short di mana: post Reaping the Graves a mano piena, tirare un Tolarian Wind è un’ottimo modo per pescare 7 carte o più con soli 2 mana.

2 copie sembra la quantità giusta perchè la grande maggioranza delle volte ne vorremo vedere solo 1 in scombata considerando anche il fatto che questa carta è off-color ed in un mazzo senza manamorfosi questo corrisponde a spaccare un Lotus Petal o, se siamo fortunati, avremo il mana blu in pool dal sacrificio di Sulfur Vent.

Di side, in un certo senso, accettiamo di morire da Relic o Spellbomb giocando solamente 2 copie di Shredded Sails essendo anche una carta rossa quindi off-color; data l’abbondanza delle fatine Coock preferisce comunque adottare la linea safe delle 4 Pyro e 2 Duress, split a favore delle prime anche se rossa per la semplice esistenza di Spellstutter Sprite nel formato.

Pregevole l’adozione di quella stranezza fuori dalla color pie di Darkness: un set di nebbie a costo 1 contro aggro per non sbagliare!
L’unica assenza pesante di side è la Weather the Storm la cui esclusione è abbastanza comprensibile dato che la possiamo castare solo con i Lotus Petal e che ci sarebbe utile solo contro Burn visto che gli aggro sono coperti dalla suddetta Darkness.

MU:
UB Fae 2-0
UR Fae 2-1

Burn 1-2
Jund 2-0
Affinity 2-0
UR Fae 0-2


Il main di RG cascade sembra ormai stock dopo la vittoria della challenge di qualche settimana fa, la configurazione della side tuttavia è ancora abbastanza dibattuta in quanto risulta abbastanza difficile coprire bene tutti i Mu avendo solamente 4 Bolt di main come misura reattiva al gioco avversario.

Calming Verse è una wratta per incantesimi overcosted ma one-sided, quindi perfetta per una mazzo cascade dopo i 4 mana non sono rilevanti grazie al suo consistente mana ramp in early e il fatto di non wrattare i propri incanta terra è essenziale.

Inside Out è una carta tanto curiosa quanto nostalgica: è una rimozione che cantrippa nel caso fossimo contro Familiar, Burn e Muri, tuttavia la ritengo una scelta abbastanza fancy visto la poca copertura che dà e considerando che qualcosa come Flame Slash o la quarta Fiery Cannonade andrebbero a coprire più Mu aggiungendo Elfi e Stompy in primis, Mu da ribaltare.

MU:
Elfi 2-1
Affo 2-0
UR Fae 2-0
Boros M. 2-0
Cycle Storm 2-0
Bully 1-2
Q: Bully 0-2


Poche puntate fa dicevo che abbinare la card engine di Frantic Inventory e Monarca in Faeries fosse quantomeno greedy e discutibile; a quanto pare la nuova configurazione prediletta dai player di Ur Fate consiste nel set di Frantic Md e di due monarchi splittati tra main e side.

Scelta interessante che sta a testimoniare una importante e scomoda verità: monarca è una meccanica così ladra che non vi si può rinunciare mai, anche quando essa è antisinergica o eccessivamente greedy.

MU:
Bye
Bully 1-2
UB Fae 2-0
Slivers 2-0
Affo 2-1
Cycle Storm 2-0
Q: Cycle Storm 2-1
S: Bully 1-2


Angolo delle Dichiarazioni

“Vista la mia quasi totale assenza da Magic Online negli scorsi mesi, questa è la prima occasione che trovo per raccontarvi la storia di Ivy Lane Denizen, quindi ne approfitterò.
Dovete sapere che io sono solito provare in lega ogni sorta di build strane di Elfi per puro divertimento.

Una delle build più recenti era Elfi Golgari con un sottotema aristocrats e un simpatico pacchetto di tutoraggio, nato per dare una casa a Taunting Elf, ma finito a fare tutt’altro (escludendo Taunting Elf dalla lista).

In una delle mie peregrinazioni su Discord, ricevetti da parte di Ullman la proposta di mettere nel mazzo Ivy Lane Denizen e Safehold Elite, per avere materiale infinito da sacrificare alle mie Lampad of Death’s Vigil. Io non ero troppo convinto inizialmente, ma mi divertiva l’idea di avere più monocopie da tutorare, così li inserii nella lista.
Avevo sempre disprezzato a priori Ivy Lane Denizen, ritenendola una carta debole e clunky, ma, giocando un po’ di partite con Elfi Golgari, mi accorsi che Denizen performava davvero bene anche senza Safehold Elite.

Così cominciai a riflettere e arrivai alla conclusione che in questo meta pieno di board wipe, avere uno strumento in più per contrastarle si sarebbe potuto rivelare utile. Ma ovviamente avevo già completamente saturato gli slot noncreatura dedicati allo scopo, così Denizen si presentava come un ottimo compromesso.

Il vantaggio di Denizen (oltre al fatto che è un elfo e che può essere preso da Lead), è che svolge due ruoli contemporaneamente, permettendo di ottimizzare gli slot. Infatti funge sia da normale payoff e win condition che da protezione.
Naturalmente non svolge nessuno dei due ruoli bene quanto carte che hanno un unico scopo, ma la sua versatilità lo rende molto prezioso.
Insomma la sostanza è che sono molto contento che uno dei miei sciocchi esperimenti si sia rivelato utile anche per la lista seria di Elfi.

Per quanto riguarda il resto, Jaspera Sentinel si sta rivelando utilissima, proprio come mi aspettavo. Sulla main post-Kaldheim penso di aver raggiunto un ottimo risultato, mentre la side è ancora un work in progress, benché gli accoliti mi stiano piacendo. Ora che ho moltissime opzioni devo capire cosa sia veramente necessario.”

Walker735 aka Paolo Donfrancesco
Top8 Challenge Sabato 20 Febbraio

Inside the Challenge #63: Bullying the Fae

Inside the Challenge #63: Bullying the Fae

I Numeri nudi e crudi

Sabato 13 Febbraio

  1. Muri (LiturgijskaKnjiga 8-1)
  2. Bully (Mogged 7-2)
  3. Familiar (saidin.raken 6-2)
  4. Affinity (_against_ 5-3)
  5. Bully (Haziel_Dagaz 5-2)
  6. Cascade (Geme 5-2)
  7. UR Fae (BeReborn 5-2)
  8. Cycle Storm (tvdybgggh 5-2)
  9. UR Fae (cicciogire 4-2)
  10. UR Fae (Mikhathara1994)
  11. Cascade (_Shatun_)
  12. Jeskai Ephemerate (Kirblinxy)
  13. UB Fae (vlaprohor)
  14. UR Fae (msskinbolic)
  15. Affinity (hellkito)
  16. Mono B (GLNemesis)
  17. UR Fae (Brivenix)
  18. Peste (Ravager.pe)
  19. Peste (SinkholeCAM)

Domenica 14 Febbraio

  1. Bully (Mogged 8-1 Split)
  2. UR Fae (marduscout 7-2 Split)
  3. UB Delver (Brivenix 7-2)
  4. UB Delver (Modern_Monkey 7-2)
  5. Aura (vanicka 6-2)
  6. Bully (ziofrancone 6-2)
  7. Cascade (albertoSD 5-3)
  8. UB Delver (Darthkid 5-3)
  9. Burn (Mcleskey 5-2)
  10. UB Fae (Mamah)
  11. UB Fae (Butakov)
  12. Cycle Storm (TomatoCheese)
  13. Burn (VianLie)
  14. UB Fae (Beicodegeia)
  15. Cascade (Good_Game)

Considerazioni varie ed eventuali

Ieri abbiamo assistito a quella che, da quel che ricordo, è stata la banlist più corposa della storia di Magic, il Pauper non è stato toccato nonostante varie anime della community fossero abbastanza accese nel richiedere un’azione decisa contro la meccanica monarca e le terre di trono in primis.

Nulla è cambiato nella banlist del formato.
Aldilà delle mie e delle vostre opinioni l’analisi settimanale recita questo:

  • Tron totalmente assente nei top-performer, non solo dalle top ma anche dai player che fanno terminato la svizzera con un record di X-2 o migliore;
     
  • Performance mostruosa di Bully che riveste il ruolo di predatore di Fatine, nonostante l’esigua fetta di metashare le winrate media di questo weekend è sopra il 60%;
     
  • Fatine solida realtà difficile da debellare e presenza costante nelle top, considerando sia la variante UR che quella UB ed accorpando anche UB Delver, i cosidetti Ux deck restano una sicurezza quando si parla di posti nelle top.
    Parlando delle loro Win % la solidità viene meno perchè i numeri ballano da weekend a weekend e a seconda di come la versione specifica si interfaccia al meta di quella Challenge.

Il mazzo del weekend: abbiamo già parlato svariate volte di Bully e delle sue scelte di main per cui, come faccio sempre più spesso ultimamente, non farò un’analisi a tutto tondo perchè potrebbe essere ripetitiva ma mi dedicherò al cherry-picking ossia punterò alla ciliegina sulla torta e non sulla torta stessa.

Ho visto quasi tutte le liste recentemente che giocavano con lo split 3 Monarchi e 1 Guardiano: pur ammettendo il fatto che monarca sia una meccanica davvero capitalizzata e ben protetta in questa shell, Guardiano è fondamentale contro gli Ux based come contromisura alle loro maggiori wincondition ossia ninja e monarca, oltre a fornire un clock inesorabile salvo 1x randagi di Agony Warp.
Guardiano è una specie di assicurazione sulla vita mentre monarca spesso risulta troppo rischioso nel Mu contro fate per correre il rischio di vederne 2 in mano: per questo penso che lo split 2-2 sia al passo con i tempi, lo stesso Mogged, back to back finalista con Bully, ha cambiato la lista dal Sabato alla Domenica aggiungendo un guardiano.

Parlando della side di bully solitamente esistono 2 vie: equilibrata o anti-Tron.
Mogged ha scelto una via di mezzo con 4 Pyro e 4 Cleansing Wildfire preferiti alle solite Molten Rain probabilmente perchè contro Cascade vengono castate già di secondo andando a nullificare il ramp dei loro 8 incantesimi costo 1, liberandosi dell’ingombrante doppio costo specifico di Molten che non ho mai gradito, doppio rosso che lascia aperta la possibilità di non riuscire a castare lo slando sempre in curva, possibilità accresciutosi con i 4 Acid-Moss nella main di Cascade ormai stabile Tier 2 del formato.

MU Sabato, Mogged 7-2:
Mono B 2-1
Elfi 2-1
Cascade 2-0
Cascade 0-2
Burn 2-1
Affinity 2-0
Q: Cycle Storm 2-1
S: Familiar 2-0
F: Muri 0-2

MU Domenica, Mogged 8-1:
UR Fae 2-0
Cascade 2-0
UB Delver 2-0
Burn 2-0
Cascade 2-0
UR Fae 2-1
Aura 0-2
Q: UB Delver 2-0
S: UB Fae 2-0
F: UR Fae Split


Finalmente il signor Weber, uno dei 4 Imperatori del Pauper brasiliano, è riuscito a raggiungere la top 8 di Challenge con il Jeskai Affinity di cui tanto ama streammare le leghe!
Il mazzo una volta ingranato è una macchina con un’oliata card-engine che pesca a più non posso proponendo board ingestibili o un one-shot di Atog-Fling con una tenuta nel mid game invidiabile.

Il problema di questo archetipo non sono tanto i vari Mu ma quella clausola “una volta ingratato” visto che l’instabilità della manabase soprattutto per quanto riguarda i vari colori che hanno solamente 9 fonti stabili tranne per il bianco avente la mono-pianura.

L’archetipo si conferma il peggior nemico di se stesso morendo da solo o avendo partenze troppo a rilento per la maggioranza dei Mu a causa del color screw, data la nutrita card engine dove ben 2 Of One Mind e 2 Witching Well affiancano l’ammancabile set di Thoughtcast, fare qualche taglio per migliorare le fonti per ogni colore inserendo delle Thriving-Land o aggiuntive copie di Compasso.

Alla fine sta sempre al pilota la scelta cruciale: “quanto matto lo vuoi il tuo cavallo?”.

MU:
Muri 2-1
Cascade 2-1
UR Fae 2-1
Burn 2-0
Cascade 0-2
Bully 0-2
Q:Bully 2-0
S: Muri 0-2


In Jeskai Ephemerate è preferibile non giocare Journey per massimizzare i target di Bolas e di Archeomante, oltre al banale fatto che costa 2 e non 1: ora le fonti innevate con le nuove snow-land non sono più un problema e Skred sarà sempre full power dandoci di fatto una rimozione ad un mana per quasi tutti i target nel mid game.
Ovviamente in tutto ciò è quasi d’obbligo rinunciare alla bounceland, utili se non fondamentali in questo genere di archetipi ma nemiche giurate dello snow-count per Skred.

La lista è abbastanza base senza piano mill, lifegain e effetti resurrezione di main, affidandosi unicamente ai loop di Bolt in faccia per chiudere: i lifegain servono per impedire che oppo accumuli botti in mano per chiudere il game in G1, considerando che i Boros Monarch sono praticamente estinti e sperando di far lo slalom di Burn può avere senso trascurare questo accorgimento.

MU Jeskai Eph. 4-2
UB Delver 2-0
UR Fae 1-2
UB Fae 2-0
Burn 2-1
Cascade 0-2
Burn 2-1


Anche qui facciamo un po’ di cherry-picking: parliamo di un player, ossia TomatoCheese, che ha fatto una storica top 8 al Super Qualifier con Cycle Storm ed ora ribadisce che l’archetipo possa dire la sua finendo 5-2 ad una Challenge.

Rispetto alla lista quadrata del SuperQ notiamo varie migliorie che hanno raffinato la lista:

  • Faithless Looting in 1x al fine di dare consistenza alla scombata in abbondanza di mana riducendo le fizzate essendo di fatto un pesco 4 scarto 4, entrato come split con il ciclante più scarso ossia il minotauro che non può essere ciclato col mana nero;
     
  • Gutshot in 2x di side visto che ha il pregio di uccidere le Stutter a 1 su Song “gratis” senza dover spendere il prezioso mana rosso come nel caso di Pyroblast, oltre ad evitare sninjate di secondo o partenze nuts di elfi;
     
  • Death Denied 1x di side, vista già in altre liste come mono copia di Main ha lo scopo di non far fizzare malamente quando siamo in abbondanza di mana.

Le modifiche di side sono state fatte riducendo le copie di Pyro, Deliverance e della Geothermical: un’opera di raffinazione che non posso fare a meno di apprezzare.
 

MU Cycle Storm 5-2:
Stompy 1-2
Cascade 2-0
UR Fae 2-1
Bully 2-1
Goblin 2-0
Tron 2-0
Black Burn 2-0


Non voglio analizzare la lista ma mi sento in dovere di constatare che 3 Challenge vinte in 3 mesi dallo stesso player con Muri è impressionante, ancor di più se si considera che il player in questione

LiturgijskaKnjiga abbia partecipato a meno di metà delle Challenge disponibili!

Questo fatto è in netto contrasto con un Muri quasi totalmente assente nel meta odierno dove i player preferiscono giocare la meccanica Cascade appoggiata a Utopia Sprawl, Wild Groth ed Arbor Elf per l’early game.
Alla base di questa scelta vi è probabilmente la convinzione che Muri sia più instabile e predabile da Fatine, ma vedendo per la terza volta Muri vincere una challenge mi viene da chiedermi se l’archetipo non sia ingiustamente trascurato dalla playerbase oggigiorno e se la sua misera metashare non rifletta appieno le sue potenzialità.

MU Muri Cascade 8-1:
Burn 0-2

Tron 2-0
Cascade 2-0
UB Delver 2-1
Tron 2-0
Cascade 2-1
Q: UR Fae 2-1
S: Affinity 2-0

F: Bully 2-0


Angolo delle Dichiarazioni

“Vorrei ringraziare Pietro Bragioto aka il miglior deckbuilder Pauper del Sud America, per avermi consigliato sul deck e sulle scelte di side.
Inoltre, vorrei ringraziare tutti i giocatori di Tron per il fatto che a San Valentino non abbiano acceso il computer, grazie di cuore.”

ziofrancone aka Franco Cicchini
Top 8 Challenge Domenica 14 Febbraio


“Dichiaro che è stato molto interessante fare top 4 in streaming su Twitch con una versione nuova di un mazzo consolidato.
Giocare e parlare in inglese insieme non è per niente facile. Streammare è stato divertente e penso lo rifarò in futuro.

Il mazzo è onesto, tagliato Delver perché vs fate e Bully non è forte anche se in certi matchup l’avrei voluto (Ponza e Tron).

Comunque la lista mi sembra il miglior Monarch.deck a base Ux in questo momento, anche se probabilmente la versione con le fate ha qualcosa in più

P.s. ho provato sia Recoil sia Behold e entrambe sono un no.”

Modern_Monkey aka Manzari Francesco
Top 4 Domenica 14 Febbraio

Inside the Challenge #55: a Cascade of Variance

Inside the Challenge #55: a Cascade of Variance

Articolo di Bragioto Pietro,

I Numeri nudi e crudi

Sabato 12 Dicembre

  1. Cascade Walls (LiturgijskaKnjiga 8-1)
  2. Bully (Alleyezonme 6-3)
  3. Affinity (bilster47 6-2)
  4. Bully (BeReborn 6-2)
  5. UR Fae (Oss-28 6-1)
  6. Stompy (SacredDevil 5-2)
  7. Bully (ManBoyChild 4-3)
  8. Grixis Control (hadesblade 4-3)
  9. Tron (Bullwinkkle6705 4-2)
  10. UB Fae (hellkito)
  11. Boros M. (CinderXD)
  12. Mono U (_Batutinha_)
  13. Elfi (Kaickul)
  14. UB Fae (GutoCmtt)
  15. Mono U (PauloCabrar_BR)
  16. Mono U (Lavaridge)

Domenica 13 Dicembre

  1. UB Fae (Beicodegeia 9-0) final split
  2. UR Fae (Usama96 7-2) final split
  3. Aura (Lordzedane 6-2)
  4. Bully (WhiTe TsaR  6-2)
  5. Stompy (Hrymfaxe 5-2)
  6. RG Ponza (aarong 5-2)
  7. UR Fae (Modern_Monkey 5-2)
  8. Jeskai Affo (Oderus Urungus 4-3)
  9. Bully (GLAM_)
  10. Boros M. (CinderDX)
  11. Tron (Heisen01)
  12. Aura (ziofrancone)
  13. Mono U (nekonekoneko)
  14. Stompy (SacredDevil)
  15. Mono U (nathansteuer)
  16. UR Fae (roter_Erzengel)
  17. Aura (killersuv)
  18. Elfi (PyotrPavel)
  19. Burn (PRGJJAR)
  20. Cascade Walls (apas72)
  21. Temur Ponza (Mathonical)


(altro…)