Inside the Challenge #74: Non ha importanza il titolo, non c’è nulla di nuovo

Inside the Challenge #74: Non ha importanza il titolo, non c’è nulla di nuovo

Non ho davvero molto da aggiungere questa settimana: il meta risolve attorno ad Affinity e Storm e in challenge questi due mazzi corrispondo a più del 50% del meta.
In lega Storm è quasi sparito perché è il mazzo Pauper più costoso di sempre, 160 tix di spesa sono giustificati dallo sproporzionato prezzo di mercato dei Lotus Petal su MTGO che variano dagli 80 ai 100 tix al set.

Da X-2 a X-0

Sabato 3 luglio, 41 giocatori

https://magic.wizards.com/en/articles/archive/mtgo-standings/pauper-challenge-2021-07-04

Domenica 4 luglio, 58 giocatori

https://magic.wizards.com/en/articles/archive/mtgo-standings/pauper-challenge-2021-07-05

Tra periodo estivo e metagame limitante, il numero di giocatori delle due challenge si è striminzito, circa 20 giocatori in meno per evento.

Analisi

Quello su cui vorrei farvi riflettere oggi, è il dato di fatto che gli archetipi più vincenti e/o dominanti del formato sono talmente più efficienti e più performanti rispetto agli altri mazzi del formato che rendono inutile il cercare di migliorare ulteriormente la shell, la lista.


Con Storm vediamo che i flex slots non sono altro che il numero di peschini, terre e Chromatic Sphere ; ogni tanto vediamo Duress , in 1 o 2 copie maindeck, ma vediamo anche scelte più drastiche, orientate all’esplosività sopra alla solidità: vedasi liste a 12 terre con 3-4 copie di Seething Song . Storm è già un mazzo sufficientemente esplosivo, per cui tagliare carte come Galvanic Relay o le terre per giocare più copie di Duress o chi può dirlo è una scelta che dovrebbe punire, ma a quanto pare non abbastanza perché semplicemente il mazzo è forte.


Affinity è stato per anni tier1, ma poi con la nascita e la rovina di quel Dimir Delver con Gush , Daze e Foil è sparito perché semplicemente facilmente hate-abile da Gorilla Shaman e privo di una curva di mana esplosiva quanto oggi. Carapace Forger è l’unica carta verde che abbia senso di essere giocata, mentre Gearseeker Serpent, grazie al doppio blu specifico spaventava la gente, impegnata a giocare Thraben Inspector per Of One Mind e a chiudere di Atog + doppio Disciple of the Vault .

Ora Affinity è standardizzato per il meta di Storm con 8 enforcer, 4 atog e 2 serpi come minacce, 4 thoughtcast e 3 Witching Well per scavare e da 4 a 5 risposte maindeck tra Krark-Clan Shaman , Echoing Truth , counterspell vari.

Da notare che c’è chi pensa che anche Affinity necessiterà di un ban .

Penso che per ora sia sensato che rimanga intoccato nell’eventualità Storm venisse bannato, nonostante la presenza delle dual artefatto si può interagire comunque con questo mazzo e avere Affinity, nuovamente, come Aggro più forte del formato, può orientare il formato verso strategie diverse da “turno 4 Monarch gg wp”.


Vincitori e Vinti

Possiamo parlare di Flicker Tron, Orzhov Pestilence e Burn.

Fondamentalmente questi 3 archetipi cercano di occupare lo slot che i Dimir Tempo hanno in questo meta, in due modi diversi.

Burn cerca di giocare sul fatto di essere un mazzo stupido, che necessita di lifegain o counterspell per interagirci bene. Può predare su Storm e Affinity SE sono sfortunati o se non prevedono un gameplan contro Burn. Nella fattispecie penso che il gameplan standard di Storm e Affinity abbia già un MU sufficientemente buono contro Burn, però le liste stock di Storm giocano da 2 a 4 Sign in Blood al posto di Faitless Loothing o Ransack the Lab , rendendo quindi carte come Weather the Storm quasi necessarie.

Non fatevi illudere da Fiery Cannonade o Martyr of Ashes , perché lasciare sempre due o tre mana open può risultare inconcludente quando il gameplan migliore è solamente cercare di andare più veloce dell’avversario.

Orzhov Pestilence, soprattutto la versione brutta, inconcludente e inefficiente (quella control di Amoras27 per intenderci) e Flicker Tron possono essere facilmente metagamizzati per interagire contro Storm. Affinity penso sia un MU negativo per entrambi in ogni caso, salvo partenze fortunate grazie a Dust to Dust o simili.

Massimizzare il numero di Duress , Castigate, Echoing Decay e Trepasser’s Curse può essere un buon gameplan per vincere contro Storm, però Galvanic Relay consente di aumentare la massa critica e giocare attorno alle risposte avversarie, grazie a Duress, Echoing Truth o Introduction to Annihilation. Oltre al fatto che si può giocare attorno alla Curse senza troppe preoccupazioni, soprattutto pescando più copie di First Day of Class.

Indubbiamente però Guardian of the Guildpact + Pestilence è difficile da risolvere se Storm vede molto male.

Penso che Flicker Tron abbia gli stessi vantaggi di Jeskai Ephemerate contro Storm, ma è meno costante. Molto di questo dipende dal ban di Expedition Map, che forza a mulligare con più frequenza, ma nonostante questo i principii rimangono identici: il control deck cerca di massimizzare le risposte e montare il lock Ephemerate + Mnemonic Wall, mentre Storm deve vincere entro il terzo turno, altrimenti Duress e Flaring Pain potrebbero essere insufficienti. Stonehorn Dignitary non viene risolto tranne che da Introduction to Annihilation e, mal che vada, regala comunque un turno extra (se blinkato).

In pratica, se la partita va per le lunghe Storm perde perché non ha sufficienti risposte. E, nonostante possa chiudere anche a turno 1 o 2, non sempre Storm ha la chiusura entro turno 3 o 4.

Pauper Mono Red Storm Intro

Pauper Mono Red Storm Intro

Article by Matteo Manizza
Translation by Alberto Volpe

Introduction

Hi everyone, I am Matteo Manizza, Lega Pauper Marche’s player and admin, and I wrote this article to talk about the deck which led us to Pauper Challenge Top 8 on april 27th, “created” by me and my mtgo mate federusher.

Cycle Storm by federusher, Top8 Pauper Challenge 26/04/2020

Creatures (26)
Deadshot Minotaur
Drannith Healer
Drannith Stinger
Imposing Vantasaur
Monstrous Carabid
Street Wraith
Viashino Sandsprinter

Spells (22)
Faithless Looting
Rite of Flame
Cabal Ritual
Manamorphose
Reaping the Graves
Songs of the Damned
Lands (12)
Forgotten Cave
Geothermal Crevice
Snow-Covered Mountain

Sideboard (15)
Death Spark
Flaring Pain
Lotus Petal
Pyroblast
Shredded Sails

I previously said “created”, because I actually  took the key mechanics of this deck from the famous streamer Caleb Gannon, known for being a master storm deck builder in pauper and probably  in any other format.

Let me say it loud:  Caleb Gannon is an artist to me!

The creator has indeed taken an old deck, the Songs of the Damned Combo, and made it much more competitive thanks to the new cards from the Ikoria: Lair of Behemoths set.

Songs Combo by Kurogi Takehiko, Pauper League March 2018

Creatures (33)
Crypt Rats
Deadshot Minotaur
Disciple of Malice
Architects of Will
Viscera Dragger
Horror of the Broken Lands
Krosan Tusker
Monstrous Carabid
Pit Keeper
Satyr Wayfinder

Spells (9)
Songs of the Damned
Gnaw to the Bone
Consume Spirit
Lands (18)
Barren Moor
Evolving Wilds
Forest
Golgari Rot Farm
Island
Mountain
Swamp

Sideboard (15)
Dispel
Evincar’s Justice
Gorilla Shaman
Gut Shot
Natural State
Snuff Out

At the beginning we didn’t like the decklist he created, so we decided to change its main color identity, sideboards, and more or less everything, saving just the core of the basic mechanics.

Cycle Storm by Caleb Gannon

Creatures (28)
Lurching Rotbeast
Monstrous Carabid
Street Wraith
Drannith Healer
Drannith Stinger
Horror of the Broken Lands
Imposing Vantasaur

Spells (24)
Reaping the Graves
Songs of the Damned
Cabal Ritual
Chromatic Sphere
Chromatic Star
Dark Ritual
Lotus Petal
Lands (8)
Crumbling Vestige
Swamp

Let’s start with how the deck works, then we’ll see each single card and at the end the reasons why I chose this version.

I’d like to make it clear now: this version is probably way far to be the final one. Indeed, I sincerely hope that the deck will be assimilated by the community, improved and turned it into a tier in all respects.


How it works

As said, the basic mechanics isn’t mine, but I think I got it decently.

I’m not going to write a papyrus on how to go off with the combo, I’ll just give some guidelines, even because having developed it only few days ago my advices may be inadequate, given also the considerable amount of testing that the deck still requires.

The average turn to go off is the fourth, rarely the third. The first few turns you just have to cycle your creatures, in fact each creature can be cycled with one red mana, so you can use your lands without the possibility of having dead cards in hand. My advice for the future archetype’s players is to include only cycling cards that can be cycled through the mana provided by your lands in order to constantly cycling without get stucked. As soon as you find the combo key cards, basically Reaping The Graves and tons of mana, you can go off.

That’s it, obviously there are many different ways to get the max value out of it, but it would be harder to write them all than show ‘em in a game, so i’ll give up here with the explanation of the gameplan.


The Deck

Manabase

For the right amount of lands we relied to percentage calculators, but I won’t report the maths here cause it’s too long and definitely too boring, mostly based on the possibility of finding the second land even in the worst case scenario.

2 Forgotten Cave – Cycle land, useful during the combo, but it’s better not have too many of these to avoid the risk of being too slow in the early game.

4 Geothermal Crevice – Extremely strong land, a bit slow in your opening turns cause it enters tapped, but it allows you to fix black mana without using additional slots in the deck. The green mana is also a house with Manamorphose and Deadshot Minotaur. If I could have chosen this land’s colors, I would definitely have chosen these.

6 Basic Mountain – 12 total lands, as mentioned I find it the right amount to easily find 2-3 lands, keeping a one land-starting hand.

Creatures

The creatures are divided between humble draw cards, useful for their ability to cycle for 1 mana or less, and key cards for the combo. Luckily, mom Wizards has also given the ability “cycling” to the combo cards, making the deck way more linear.

4 Deadshot Minotaur – Bad cycle card, but still better than others, cycling for G/R; at least it’s a valid creature.

4 Drannith Healer – Excellent cycle card, very strong creature against fast aggro decks, where gaining a bunch of lives can give you enough time to prepare your combo, which is so important for this kind of deck.

4 Drannith Stinger – The deck’s finisher and also a great cycle card thanks to his colorless cycling cost; Once on the board, it deals 1 or more damage to the opponent depending on how many you cast.

4 Imposing Vantasaur – Another colorless cycling cost card.

4 Monstrous Carabid – B/R are the mana we generate during the combo, so once again, another great cycling card.

4 Street Wraith – Probably the strongest cycling card, but of course, you have to pay attention not to go too low on life, especially against some decks such as burn for example.

2 Viashino Sandsprinter – The worst on the list, it only cycles for red mana, even if as creature is ok.

Spells

As mentioned, accumulating mana in order to go off with the combo is essential, so I’ve included the best “rites” available on the market.

4 Cabal Ritual – The strongest ritual, getting threshold is really easy.

4 Manamorphose – This card has a power level so high that playing it is like cheating. Not only it lets us draw for free, provides the storm count and fix our black mana in order to go off, but during the combo it can turn tons of black mana from Songs of the Damned into red mana so we can keep on cycle and cast the few cards that require it.

4 Reaping the Graves – Deck’s key card, mandatory. Going down below 4 copies, despite the high casting cost, it’s just mental. Without this card, it’s hard to go off, and once you do, if you can’t find it, then your combo is done, probably ending with a loss. Best case scenario is to go off while having this card in your hand and this often happens thanks to the considerable amount of draws in the early game.

4 Songs of the Damned – I’ve called Cabal Ritual as  “strongest ritual”, which is undeniably true, except for this deck where it’s widely outclassed by Songs of the Damned. The amount of mana this card can generate is outstanding.  Although it seem to add relatively few mana when you start to go off, during the combo it will show all its power.

2 Faithless Looting – Another card with a very high power level. It’s just in two copies because is useful especially during the combo where you want to discard some of the few dead draws (lands, sideboards). Uncomfortable instead, in hands where you’d like not to discard anything at all. It can be useful to find lands on your first turns, but still uncomfortable.

4 Rite of Flame – We chose this card over Dark Ritual because of its color: to generate red mana during the combo is quite difficult, and Rite of Flame helps a lot.

Sideboard

4 Death Spark – I would like to spend few words on this one. I find this card so strong, we can consider to slightly change our gameplan against some decks since g2, especially blue-based decks full of annoying fairies, which are bad match-ups, finding themselves in a soft lock to solve, by the time is quite easy for this deck to find two copies of Death Spark. Obviously really strong against any deck full of 1/1 creatures like Elves.

2 Flaring Pain – Not playing this card means losing to every Prismatic Strands deck, and I don’t like to.

2 Lotus Petal – These two slots were empty, so we decided to add 2 petals in order to improve the match-up against fast decks, but I think they will be replaced soon.

4 Pyroblast – I’m not even explaining it, but don’t put Red Elemental Blast in its place! Pyroblast can be randomly cast without a target just to increase the storm count, while REB can’t.

3 Shredded Sails – The best card against artifact and hate in general available. It destroys artifacts, annoying flyers and can be cycled at a relatively low cost. I couldn’t ask for any better.

Honorable Mentions

Chromatic Star / Chromatic Sphere – Thanks again to the many percentage calculators available on the internet, we know how having 8 mana-fixers (4 Geothermal Crevice, 4 Manamorphose) are enough to get the necessary amount of black mana. To be precise: you have 91,6% chance to draw one of the fixers out of 15 cards (7 from starting hand, 3-4 standard draws and 3-4 cycling cards, to stay low). More than acceptable to choose not to weaken the deck with similar cards.

Lotus Petal – Just inside the sideboard, it turned out to be quite disappointing, while in the maindeck is completely useless, except to increase the storm count. The mana it generates is almost irrelevant.

Seething Song – Card we are considering at the moment to include in double copy.

Fireball/Kaervek’s Torch/Rolling  Thunder – Alternative finishers to take advantage of the amount of mana we generate, I don’t find them necessary: once you developed large amount of mana, the combo does the rest. You can try 1x copy of one of those, might be nice, but I don’t see the point in weaken the deck structure with cards that don’t significantly improve our game plan.


Conclusions

In the end, I’d like to report those I consider the pros and cons of the many versions of the deck we’ve seen so far, and why I chose exactly the red-based one to develop the deck.

BLACK BASED

PROS:

  • Extremely solid deck having every cycling card black. It allows faster starts (can go off on turn 3, with less difficulties than the green/red version).

CONS:

  • Difficulty on having good storm count in the early game;
  • Need for Epicure of Blood (maybe there are other cards, but I don’t know them) , super high casting cost card even for us, to avoid Prismatic Strands;
  • No anti-hate sideboards (No black artifact-destroyer), so color-splash needed to counter hate cards. Splash extremely hard to make due to the lack of excellent color-fixers, so it requires cards like Chromatic Star/Sphere, weakening the maindeck.
  • In general, sideboard weaker than any other version (Duress < Pyroblast)

Cycle Storm by saoli, 9th Pauper Challenge 25/04/2020

Creatures (27)
Architects of Will
Drannith Healer
Drannith Stinger
Horror of the Broken Lands
Imposing Vantasaur
Lurching Rotbeast
Street Wraith

Spells (24)
Consume Spirit
Edge of Autumn
Haunting Misery
Unearth
Cabal Ritual
Dark Ritual
Reaping the Graves
Songs of the Damned
Lotus Petal
Lands (9)
Swamp

Sideboard  (15)
Chromatic Sphere
Duress
Faerie Macabre
Grisly Survivor
Victim of Night
Weather the Storm

GREEN BASED

PROS:

CONS:

  • Lack of a good number of creature cards with cycling cost of green mana, making it difficult to optimize the lands;
  • Lack of green-based “rites”, having to use “rites” and cycling cards of different colors;
  • Generically slower combo than black-based version (Turn 4, hardly turn 3);
  • Complicated access to hate cards, such as Pyroblast;
  • Weaker against blue-based decks, especially Skred/Mono U, than the red-based version.

Cycle Storm by jamiieJR, 11th Pauper Challenge 26/04/2020

Creatures (29)
Deadshot Minotaur
Drannith Healer
Drannith Stinger
Horror of the Broken Lands
Imposing Vantasaur
Monstrous Carabid
Street Wraith
Tinder Wall

Spells (25)
Land Grant
Cabal Ritual
Manamorphose
Reaping the Graves
Songs of the Damned
Chromatic Sphere
Chromatic Star
Lands (6)
Barren Moor
Forest
Swamp

Sideboard (15)
Barren Moor
Tinder Wall
Dissenter’s Deliverance
Flaring Pain
Geothermal Crevice
Red Elemental Blast

RED BASED

PROS:

CONS:

  • Generically slower combo than black-based version (Turn 4, hardly turn 3);
  • Difficulty having strong cards against fast aggro decks (or at least I didn’t find some yet).

 

So, the reason why I chose the red-based version is basically its versatility against most part of match-ups, thanks to the high power level sideboard cards available. Some might righlty want to try a two-colors version of the deck, which I don’t recommend at the moment, cause it can really lose strength. After that, don’t listen to me and my advices, just try to build your own ideal version of this deck. Well, I think everything has been told, hope you enjoied the article, as well as the deck itself.

Pauper Mono Red Storm Intro

Intro a Mono Red Storm

Articolo di Matteo Manizza

Introduzione

Salve a tutti, mi chiamo Matteo Manizza, giocatore ed admin di Lega Pauper Marche, ed ho scritto quest’articolo per parlarvi del mazzo con cui abbiamo raggiunto la top8 alla Pauper Challenge del 27/04/2020, “creato” da me ed il mio fedele compagno di mtgo federusher.

Cycle Storm by federusher, Top8 Pauper Challenge 26/04/2020

Creatures (26)
Deadshot Minotaur
Drannith Healer
Drannith Stinger
Imposing Vantasaur
Monstrous Carabid
Street Wraith
Viashino Sandsprinter

Spells (22)
Faithless Looting
Rite of Flame
Cabal Ritual
Manamorphose
Reaping the Graves
Songs of the Damned
Lands (12)
Forgotten Cave
Geothermal Crevice
Snow-Covered Mountain

Sideboard (15)
Death Spark
Flaring Pain
Lotus Petal
Pyroblast
Shredded Sails

Dico “creato”, tra virgolette, perché in realtà la meccanica chiave del mazzo è stata presa dallo streamer Caleb Gannon, streamer celebre per costruire in pauper, e probabilmente in ogni formato, mazzi Storm.

Ve la dico tutta, per me Caleb Gannon è un artista.

Il famoso creatore ha infatti preso un vecchio mazzo, il Songs of the Damned Combo, e lo ha reso decisamente più competitivo grazie alle nuove carte provenienti dal set Ikoria: Lair of Behemoths.

Songs Combo by Kurogi Takehiko, Pauper League marzo 2018

Creatures (33)
Crypt Rats
Deadshot Minotaur
Disciple of Malice
Architects of Will
Viscera Dragger
Horror of the Broken Lands
Krosan Tusker
Monstrous Carabid
Pit Keeper
Satyr Wayfinder

Spells (9)
Songs of the Damned
Gnaw to the Bone
Consume Spirit
Lands (18)
Barren Moor
Evolving Wilds
Forest
Golgari Rot Farm
Island
Mountain
Swamp

Sideboard (15)
Dispel
Evincar’s Justice
Gorilla Shaman
Gut Shot
Natural State
Snuff Out

Sfortunatamente il mazzo da lui inizialmente creato non ci piaceva, così abbiamo deciso di cambiargli colore base, carte in side, e… un po’ tutto insomma, lasciando parte dello scheletro della meccanica di base.

Cycle Storm by Caleb Gannon

Creatures (24)
Lurching Rotbeast
Monstrous Carabid4 Street Wraith
Drannith Healer
Drannith Stinger
Horror of the Broken Lands
Imposing Vantasaur

Spells (24)
Reaping the Graves
Songs of the Damned
Cabal Ritual
Chromatic Sphere
Chromatic Star
Dark Ritual
Lotus Petal
Lands (2)
Crumbling Vestige6 Swamp

Detto ciò, passo alla spiegazione del mazzo, poi alla valutazione di ogni singola carta, infine alle motivazioni che ci hanno spinto a scegliere questa versione.

Vorrei mettere in chiaro sin da subito che questa versione probabilmente sarà lungi dall’essere quella definitiva, anzi spero vivamente che il mazzo venga assimilato dalla community, migliorato e reso un tier a tutti gli effetti.

Come funziona

Come detto, la meccanica di base non è farina del mio sacco, ma penso di averla compresa decentemente.

Non starò a scrivere un papiro su come scombare, darò solo delle linee guida, anche perché avendolo sviluppato solo da pochi giorni i miei consigli potrebbero risultare inadeguati, vista anche la notevole mole di test che il mazzo ancora necessita.

Il turno medio di scombata è il quarto, raramente il terzo.
I primi turni li passerete a ciclare creature, infatti ogni creatura può essere ciclata con mana R, così da poter utilizzare le terre senza possibilità di avere carte morte in mano.
Consiglio infatti ai futuri giocatori dell’archetipo di inserire solo ciclanti che possano essere utilizzati tramite il mana fornito dalle vostre terre, così da poter ciclare costantemente senza mai bloccarvi.
Appena trovate carte chiave per la scombata, fondamentalmente Reaping the Graves e palate di mana, potete partire.
Questo è tutto, ovviamente ci son differenti giocate per ottimizzare la cosa, ma sarebbe molto più difficile scriverle che mostrarle in una partita, come tale mi fermerò qui con la spiegazione.

Il mazzo

Manabase

Per la quantità giusta di terre ci siamo affidati a dei calcolatori di percentuali, calcoli che non riporterò perché troppo lunghi e, decisamente, troppo noiosi, basati perlopiù sulla possibilità di trovare la seconda terra anche nella peggior situazione possibile.

2 Forgotten Cave – Terra ciclo, utile in scombata, ma meglio non averne troppe per non rischiare di ritrovarsi troppo lenti nei primi turni.
4 Geothermal Crevice – Terra estremamente forte, lenta nei turni iniziali, ma permette di fixare nero senza l’uso di ulteriori slot nel deck; il mana verde si rivela utile anche per Manamorphose e per Deadshot Minotaur. Se avessi potuto sceglierne i colori, li avrei scelti così.
6 Mountain – 12 terre totali, come detto trovo sia la quantità giusta per trovarne facilmente 2/3, tenendo mano iniziale con una sola terra.

Creature

Qui le creature si dividono tra umili peschini, utili solo per la capacità di ciclare a costo 1 o meno, e carte necessarie per la combo; fortuna vuole che mamma Wizard abbia donato anche alla carte-combo la capacità di ciclare, rendendo il mazzo infinitamente più snello.

4 Deadshot Minotaur – Ciclino pessimo, ma migliore di altri, utilizzando G/R per ciclarsi; la creatura in compenso è valida.
4 Drannith Healer
Ciclante ottimo, creatura molto forte vs Aggro spinti, dove guadagnare qualche vita può darvi un turno ulteriore per preparare la combo, cosa a dir poco importante per un mazzo simile.
4 Drannith Stinger
Chiusura del mazzo, ed ottimo ciclante grazie al mana incolore; una volta appoggiato a tavola, ogni ciclata è 1 danno o più, se ne avete castati altri.
4 Imposing Vantasaur
– Ciclante incolore.
4 Monstrous Carabid
B/R sono i mana che generiamo in combo, come tale è un ulteriore ottimo ciclante.
4 Street Wraith
Quello che probabilmente è il ciclante più forte in assoluto, ovviamente dovrete stare attenti a non andare troppo bassi di vite, soprattutto vs certi archetipi.
2 Viashino Sandsprinter
Il peggiore della lista, cicla solo con R, anche se la creatura è “guardabile”.

Magie

Come detto, accumulare mana per poter partire è fondamentale, così ho inserito i migliori riti disponibili sul mercato.
4 Cabal Ritual
Il rito più forte, arrivare in soglia è estremamente semplice.
4 Manamorphose
Carta dal power level talmente alto che tirarla in questo formato è come barare. Questa carta non solo ci fa pescare a gratis, ci da Storm Count e ci fixa il mana B per poter iniziare a scombare, ma in scombata riesce a trasformare le palate di mana B generate da Songs of the Damned in mana rosso, utile per continuare a ciclare/castare le poche carte che necessitano di rosso una volta partiti.
4 Reaping the Graves
Carta combo del mazzo, necessaria. Scendere sotto le 4 copie, nonostante il costo elevato della carta, trovo sia una follia. Senza di questa carta è difficile partire, e se una volta partiti non riuscite a trovarla la vostra combo si ferma, probabilmente con una conseguente sconfitta. L’ideale sarebbe iniziare la combo avendola sempre in mano, cosa che spesso capita vista la notevole quantità di pescate i primi turni.
4 Songs of the Damned
Ho definito Cabal Ritual il “rito più forte”, cosa innegabilmente vera, se non fosse che in questo mazzo viene ampiamente surclassato da Songs of the Damned. La quantità di mana che questa carta può generare è impressionante, anche se ad inizio combo sembrerà aggiungere relativamente poco, in scombata si rivelerà per tutto il suo potere.
2 Faithless LootingAltra carta dal power level elevatissimo, messa solo in due copie perché utile soprattutto in scombata, dove vuoi scartarti alcune delle poche pescate morte (terre, carte sidate), scomoda in mani dove non vorresti scartarti nulla; può essere utile per cercare terra nei primi turni, ma comunque scomoda.
4 Rite of Flame
Abbiamo scelto questa carta sopra Dark Ritual per via del colore: generare mana R durante la scombata è piuttosto difficile, e Rite of Flame aiuta infinitamente.

Sideboard

4 Death SparkQui vorrei spenderci qualche parola. Trovo che la carta in questione sia talmente forte nel deck da permettere un leggero cambio di piano in g2 verso certi mazzi, soprattutto deck a base blu pieni di fatine scomode, genericamente MU negativi, i quali si ritrovano in un soft lock da risolvere, dato che per questo deck è estremamente facile trovarne due copie. Ovviamente molto forte vs qualsiasi mazzo pieno di 1/1, tipo Elfi.
2 Flaring Pain
Non giocare questa carta significa perdere da ogni deck con Prismatic Strands, e la cosa non mi va.
2 Lotus Petal
Questi due slot erano vuoti, così abbiamo deciso di aggiungere due petali per migliorare il deck da mazzi veloci, ma penso che verranno presto sostituiti.
4 Pyroblast
Non sto neanche a spiegarla, ma non mettete REB al suo posto, Pyroblast è stata spesso tirata a vuoto per aumentare lo Storm Count o per avere accesso a Soglia.
3 Shredded Sails
Penso sia il miglior spacca artefatti/anti-hate disponibile. Spacca artefatto, volante molesto e si cicla a costo relativamente basso. Non potrei chiedere di meglio.

Grandi assenti

Chromatic Star / Chromatic SphereGrazie nuovamente ai vari calcolatori di percentuali disponibili online, abbiamo visto come avere 8 fixer (4 Geothermal Crevice, 4 Manamorphose) bastino per avere il mana nero necessario. Per essere precisi: su 15 carte (7 di mano, 3-4 di turno, 3-4 ciclante, per stare bassi) si ha ben il 91.6% di possibilità di vedere uno dei dati fixer. Possibilità più che accettabile per scegliere di non indebolire il deck con carte simili.
Lotus Petal – Inseriti solo in side, risultati abbastanza deludenti, mentre nel maindeck non ci son mai serviti a nulla, tranne aumentare lo Storm Count; il mana che sviluppa è pressoché irrilevante.
Seething Song – Carta che stiamo prendendo in considerazione al momento, vorremmo inserirla in 2x.
Fireball / Kaervek’s Torch / Rolling Thunder – Chiusure alternative per sfruttare la mole di mana generato, non le trovo necessarie: una volta sviluppato molto mana, la combo fa il resto; un 1x di chiusura alternativa potrebbe essere carino, ma non vedo perché indebolire la struttura del mazzo per aggiungere una carta che non migliora eccessivamente il nostro piano.

Conclusioni

Voglio pubblicare, infine, quelli che ritengo i pro e i contro delle varie versioni girate finora, ed il perché ho scelto proprio base rossa per sviluppare il deck.

BASE NERA:

Pro:

  • Mazzo estremamente solido avendo tutti i ciclanti neri.
  • Permette partenze più veloci (può riuscirci a turno 3, faticando sicuramente meno di base verde o rossa).

Contro:

  • Difficoltà ad avere un buon Storm Count i primi turni.
  • Necessità di Epicure of Blood (forse ci son anche altre carte, ma non le conosco) per evadere Prismatic Strands, carta dal costo di mana elevatissimo, pure per noi.
  • Nessuna carta di anti-hate in side (nessuno spacca artefatti nero).
  • Necessità quindi di splash in side per contrastare hate.
  • Splash reso estremamente difficoltoso dalla carenza di ottimi fixer, necessitando carte come Chromatic Sphere / Chromatic Star, indebolendo il maindeck.
  • Side genericamente molto più debole di qualsiasi altra versione (Duress < Pyroblast)

Cycle Storm by saoli, 9th Pauper Challenge 25/04/2020

Creatures (27)
Architects of Will
Drannith Healer
Drannith Stinger
Horror of the Broken Lands
Imposing Vantasaur
Lurching Rotbeast
Street Wraith

Spells (24)
Consume Spirit
Edge of Autumn
Haunting Misery
Unearth
Cabal Ritual
Dark Ritual
Reaping the Graves
Songs of the Damned
Lotus Petal
Lands (9)
Swamp

Sideboard  (15)
Chromatic Sphere
Duress
Faerie Macabre
Grisly Survivor
Victim of Night
Weather the Storm

BASE VERDE:

Pro:

Contro:

  • Assenza di un buon numero di creature ciclabili con mana G, rendendo quindi difficile ottimizzare le terre.
  • Assenza di “riti” a base verde, dovendo per forza utilizzare riti (e ciclanti) di colori differenti.
  • Scombata genericamente più lenta della versione a base nera (turno 4, difficilmente turno 3).
  • Accesso a carte di hate più difficoltoso, come Pyroblast.
  • Più debole della versione base rossa vs mazzi a base blu, soprattutto Skred/Mono U.

Cycle Storm by jamiieJR, 11th Pauper Challenge 26/04/2020

Creatures (29)
Deadshot Minotaur
Drannith Healer
Drannith Stinger
Horror of the Broken Lands
Imposing Vantasaur
Monstrous Carabid
Street Wraith
Tinder Wall

Spells (25)
Land Grant
Cabal Ritual
Manamorphose
Reaping the Graves
Songs of the Damned
Chromatic Sphere
Chromatic Star
Lands (6)
Barren Moor
Forest
Swamp

Sideboard (15)
Barren Moor
Tinder Wall
Dissenter’s Deliverance
Flaring Pain
Geothermal Crevice
Red Elemental Blast

BASE ROSSA:

Pro:

Contro:

  • Scombata genericamente più lenta della versione a base nera (turno 4, difficilmente turno 3).
  • Difficoltà ad avere carte in side forti vs aggro spinti (o almeno non ne ho ancora trovate).

 

Dunque, il motivo per cui ho scelto base rossa è proprio per l’adattabilità del mazzo a molti MU, grazie alle carte in side dal notevole power level.
Qualcuno potrebbe giustamente voler provare a trasformare il deck in un bicolor, cosa che al momento mi sento di sconsigliare, causa l’indebolimento della solidità del deck stesso.
Detto ciò, non date solo ascolto a queste indicazioni, ma provate a costruirne la versione che meglio credete possa vincere.
Beh, credo di aver detto tutto, spero che l’articolo via sia piaciuto, così come il mazzo stesso.

Inside the Challenge #27: Storming my Way

Inside the Challenge #27: Storming my Way

Articolo di Bragioto Pietro,

I numeri nudi e crudi

Sabato (64 giocatori – 6 Turni)

  1. Tron (SanPop 8-1)
  2. UB (Oscar_Franco 7-2)
  3. Bully (Ashe_Oathkeeper 6-2)
  4. UB Ponza (iDaveW 5-3)
  5. Tron (MatheusPonchano 6-1)
  6. Affo Monsters (A_AdeptoTerra 5-2)
  7. Tron (hoku-hawkman 5-2)
  8. Elves (Sarlanga 5-2)
    .
  9. Cycle Storm (saoli 4-2)
  10. Tron (Hellsau)
  11. UR Fae (_Bolaearrior_)
  12. Tron (mlovbo)
  13. Elfi (_Zodiak)
  14. Mono U (CaptainFarbosa)
  15. Elfi (Cariddis)
  16. Tron (PauloCabrar_Br)
  17. Elfi (HunterBR)
  18. Bully (nahnahe1)
  19. Fangreen Tron (Jadisouzaft)
  20. Mono U (JherJamesB)
  21. Tron (Hampuse1)
  22. Affinity (Gabc)

 

 

Domenica (87 Player)

  1. Tron (pokerswizard 8-2)
  2. Tron (Modern_Monkey 8-2)
  3. Stompy (bnpbnp 8-1)
  4. UR Blitz (Amoras27 7-2)
  5. UR Fae (cicciogire 6-2)
  6. Bully (Chefen 6-2)
  7. UR Blitz (Noah_R 5-3)
  8. Cycle Storm (federusher 5-3)
    .
  9. Tron (mlovbo 5-2)
  10. Slivers (GYBA)
  11. Cycle Storm (jamiieJR)
  12. Tron (darkiundsa)
  13. Elfi (Krovax_NRG)
  14. UR Fae (Alleyezonme)
  15. Cycle Storm (1310HaZzZaRd)
  16. Tron (Hampuse1)
  17. Bully (Misplacedgignger)
  18. Fangren Tron (Jadisouzaft)
  19. Elfi (Sarlanga)
  20. Tron (Hellsau)

N.B. Split in finale

Credits to _Zodiak, Hellsau & Alleyezonme
.

Considerazioni varie ed eventuali

  • Storm Tron
    Tron ha predato le Challenge in questo weekend anche grazie alle nuove innovazioni “Storm” come Reaping the Grave e Scattershot che cominciano a comparire in sempre più liste: 3 dei 4 finalisti del weekend giocavano con il trittico!
    Frase che può suscitare clamore ma, ad onor del vero, vorrei sottolineare l’enorme popolarità di Tron nel metashare attorno al 20% con una winrate sempre attorno al solido 55% senza mai schizzare più in alto.
    Ebbene sì: 1 player su 5 gioca Tron alle Challenge e il cercare lo slalom diventa sempre più utopistico per i mazzi non in meta.
    E’ simpatico che le ultime versioni di Tron giochino tutte le spell con storm decenti rimaste nel formato, come mi fa sorridere il nomignolo ironico di “Storm Tron” che comincio a sentire in giro.
    Noto, non senza una certa soddisfazione personale, che sempre più liste prediligono la card engine agli slot per il loop includendo 4 Impulse e 3 Teachings limando slot come Ephemerate che possono risultare troppo rindondanti: che sia davvero la via da seguire o che molti abbiano solo copiato la lista degli italiani arrivati in cima?
    .
  • Ponza scommessa rischiosa
    A qualcuno potrebbe venire la malsana ma comprensibile idea di portare un mazzo Ponza come anti-meta ma vorrei svelarvi un segreto: ponza non batte automaticamente Tron ed tutte le sue sfumature hanno enormi difficoltà contro alcuni MU come Elfi e Mono U.
    Le versioni di ponza che hanno avuto qualche momento di gloria sono 3: Mono G, Mono B e UB; quest’ultima ha un giocatore affezionato, ossia iDaveW che ogni tanto piazza una top8 dal nulla, come questo weekend.
    L’instabilità dell’archetipo è testimoniata dai risultati del pilota di Ub Ponza: Top4 into 0-3 drop.

UB Ponza by iDaveW, Top4 Pauper Challenge 25/04/2020

Creature: (10)
Augur of Bolas
Gurmag Angler
Thorn of the Black Ros

Sorcery: (23)
Choking Sands
Fade Away
Icequake
Ponder
Preordain
Rancid Earth

Instant: (6)
Dark Ritual
Snuff Out

Land: (21)
Ash Barrens
Dimir Aqueduct
Dismal Backwater
Island
Peat Bog
Radiant Fountain
Swamp
Sideboard: (15)
Snuff Out
Befoul
Chainer’s Edict
Mana Leak
Syphon Life

.

  • Inversione del Santuario
    Questo weekend abbiamo avuto un’inversione di tendenza in termini di Winrate tra UR e Mono U: il monocolor è passato da contendente Tier 1 con Winrate anche oltre il 60% a mazzo ridimensionato con una modesto 51.5% di sabato ed un crollo al 30% domenica, la verisone Izzet si è rialzata dal disastro della scorsa settimana con una winrate assestatasi sopra il 50% forse grazie alla marcata diminuzione in popolarità di Bully rispetto al Boom di due settimane fa.
    Per quanto riguarda gli altri 2: Familiar quasi assente questo weekend con solo 3 piloti in 2 Challenge e risultati tra il mediocre ed il deludente, UB sempre in agguato spikando nonostante i pochi player che gli danno fiducia, incorporando Spreading Seas nella side come speranza contro Tron.
    Perfino lsv aka Luis Scott Vargas, una sacra entità di Magic ed il draftatore per antonomasia, ha provato la nostra Challenge per la seconda volta in questo mese: dopo uno 0-1 drop con Tron, probabilmente frustrato con i problemi di Timer, ha preso in mano proprio UB delver ed il suo retrogusto Legacy terminando con un 4-3 dopo un 3-0 start che mi ha fatto ben sperare.
    Su twitter si stava domandando come faccia a perdere sempre da Boros in Pauper nonostante quest’ultimo sia semplicemente il peggior mazzo mai visto.
    Pura poesia!


.

  • Più di una novità?
    Dopo l’uscita di Ikoria, ha preso piede un mazzo chiamato Cycle Storm che chiude i game facendo una quantità rispettosa di mana con Songs of the Damned e facendo diventare uno o più Drannith Stinger letali grazie ad una buone dose di ciclate rese disponibili da Reaping the Graves che in questo mazzo è sfruttato al suo pieno potenziale, in alternativa c’è sempre la possibilità di chiusura oneshot con Haunting Misery.
    Le versioni che stanno sorgendo del mazzo gravitano attorno ai colori rosso, nero e verde passando dal monocolor nero o rosso a esperimenti bicolor con un approccio diverso ed una side più impattante.
    Il mazzo è appena uscito e non so darvi particolari Insight su di esso, tuttavia nelle leghe di MTGO ne girano parecchi se volete testarci contro e a breve pubblicheremo un articolo fornitoci per gentile concessione da Matteo Manizza della LPM, autore della lista usata da federusher per portare questa new entry in top8!
    Mi sorprende che tutti i 4 piloti dell’archetipo abbiano chiuso la Challenge X-2 per un totale di 19-8, numero impressionante visto che parliamo di un nuovo arrivato dalla lista ancora da definire.

Mono B Cycle Storm by saoli, 9th Place Pauper Challenge 25/04/2020

Creature: (27)
Architects of Will
Drannith Healer
Drannith Stinger
Horror of the Broken Lands
Imposing Vantasaur
Lurching Rotbeast
Street Wraith

Sorcery: (6)
Consume Spirit
Edge of Autumn
Haunting Misery
Unearth

Instant: (16)
Cabal Ritual
Dark Ritual
Reaping the Graves
Songs of the Damned

Artifact: (2)
Lotus Petal

Land: (9)
Swamp
Sideboard: (15)
Chromatic Sphere
Duress
Faerie Macabre
Grisly Survivor
Victim of Night
Weather the Storm

.

Mono Red Cycle Storm by federusher, 8th Place Pauper Challenge 26/04/2020

Creature: (26)
Deadshot Minotaur
Drannith Healer
Drannith Stinger
Imposing Vantasaur
Monstrous Carabid
Street Wraith
Viashino Sandsprinter

Sorcery: (6)
Faithless Looting
Rite of Flame

Instant: (16)
Cabal Ritual
Manamorphose
Reaping the Graves
Songs of the Damned

Land: (12)
Forgotten Cave
Geothermal Crevice
Snow-Covered Mountain
Sideboard: (15)
Death Spark
Flaring Pain
Lotus Petal
Pyroblast
Shredded Sails

.

Jund Cycle Storm by jamiieJR, 11th Place Pauper Challenge 26/04

Creature: (29)
Deadshot Minotaur
Drannith Healer
Drannith Stinger
Horror of the Broken Lands
Imposing Vantasaur
Monstrous Carabid
Street Wraith
Tinder Wall

Sorcery: (4)
Land Grant

Instant: (16)
Cabal Ritual
Manamorphose
Reaping the Graves
Songs of the Damned

Artifact: (5)
Chromatic Sphere
Chromatic Star

Land: (6)
Barren Moor
Forest
Swamp
Sideboard: (15)
Barren Moor
Tinder Wall
Dissenter’s Deliverance
Flaring Pain
Geothermal Crevice
Red Elemental Blast

.

  • Combo Metacall
    Se Tron diventa sempre più solido e grindy da espugnare con i vostri mazzi santuario ed UR, non vi rimane che andare nelle terre dell’esilio per ripescare qualche combo nerfato ma mai dimenticato.
    Colgo l’occasione per rivolgere un appassionato pensiero alla mia dolce Tribe in esilio, ma una delle strade percorribili se trono soffoca il meta midrange è quella del vecchio UR Blitz visto che i 2 piloti coraggiosi sono stati entrambi premiati con una top 8!
    L’unica versione che ha successo online è quella di Amoras27 che ogni tanto rispolvera con successo la sua creatura:

UR Blitz by Amoras27, 4th Place Pauper Challenge 26/04/2020

Creature: (12)
Delver of Secrets
Kiln Fiend
Nivix Cyclops

Sorcery: (8)
Ponder
Preordain

Instant: (22)
Apostle’s Blessing
Brainstorm
Dispel
Fire // Ice
Mutagenic Growth
Peek
Sapphire Charm
Spell Pierce
Temur Battle Rage

Land: (18)
Evolving Wilds
10 Island
Mountain
Sideboard: (15)
Dispel
Spell Pierce
Flaring Pain
Forbidden Friendship
Gut Shot
Hydroblast
Pyroblast

.

.

Focus On: Cycle Storm

Come già anticipato, uscirà a breve un articolo introduttivo sul nuovo combo del player arrivato in top8; ragione per la quale riporterò solo i Mu incontrati dai 4 player dell’archetipo in queste due Challenge!

federusher:
T1: W Tron 2-1
T2: W Bully 2-0
T3: L Mono U 0-2
T4: W Tron 2-1
T5: W UR Fae 2-1
T6: L UR Blitz 1-2
T7: W MBC 2-1
Q: L Stompy 1-2

Tron: 6-3
Bully: 3-0
Elves: 3-0
Mono U: 0-2
UR Fae: 2-0
MBC: 2-0
Affo: 1-1
UR Blitz: 0-1
Stompy: 0-1
UB: 0-1
Mono U Control: 1-0
Boros Monarch: 1-0

.

Angolo delle Dichiarazioni

 

Buongiorno amici Pauper sportivi,

per chi non dovesse conoscermi sono SanPop, per gli amici “Er Santu”.
Sono qui per dirvi due parole sulla lista con cui ho vinto la Pauper Challenge di questo sabato: “Storm” Tron.

Prima di tutto vorrei ringraziare tutto il gruppo Pigs of God per lo scambio di opinioni che c’è stato negli ultimi mesi sulla lista pian piano perfezionata, in particolar modo Moretti, Ciavatta e Bragioto.
La lista di base è quella del Morelfo, modificata e personalizzata da Mirco (che infatti ha vinto la challenge di settimana scorsa) e da me, il tutto sotto gli esperti consigli di Pietro.

Le modifiche non sono molte ma sostanziose:

-3 Dignitari MD al posto di 4: carta semi morta in MU non aggro e spesso un chiodo, con 3 copie e tutta la manipolazione del mondo si riesce sempre, o quasi, a vedere entro il t4;

-2 Ephemerate al posto di 3: carta molto forte, mi è pianto il cuore a toglierne una copia ma era l’unico slot non indispensabile;

-Alchemy al posto di Rain: sono sempre stato un amante di Rain ma c’è poco da fare, Alchemy arriva un turno prima e questo può fare la differenza tra la vita e la morte;

-Exlude MD al posto del secondo Prohibit: scelta personale;

-Crushers di side: vincono certi MU da soli;

-Aggiunta una terza Teaching: ecco questa è una carta che fa la differenza!
La terza copia permette di vederla quasi sempre e di fare un “giochino di tutoraggio” non indifferente che permette di ribaltare partite contro mazzi a base santuario, consentendoci di fare un ipotetico +4 alla mano di risposte a nostra scelta;

-Scattershot MD: Questo è chiaramente un metacall pensato da Mirco che ho trovato geniale ed insta-copiato, permette di avere una semi wratta incounterabile e rimane l’unico modo sicuro di rimuovere un ninja;

Questa più o meno era la lista con cui Mirco ha vinto la Challenge, alla quale io ho apportato qualche modifica: tolto il secondo Pulse e messo Reaping the Graves sotto le pressioni di Pietro, giusto per rafforzare il nome “Storm Tron”, che si è rivelata una bomba assurda: Storm count da 4 target doppio muro e doppio pesce contro UB delver, vedi te che fare, oppo!
Penso che sia una carta che mette davvero al tappeto l’avversario in certe circostanze e ti permette di generare un value difficile da recuperare.

Poi mi pare solo di avere messo un Eletrickery in side al posto di Holy Light, il motivo è semplice: Bully tecnicamente è un buon MU ma ultimamente si stanno settando per infastidire Trono quindi non vedo perchè non avere una carta in più che gli tagli le gambe!

Direi che vi ho annoiato abbastanza, spero di essere stato utile a qualcuno.
Un bacio e GL a tutti!

 

SanPop aka Santullo Edoardo
1st Place Challenge 25/04

.

.

Forse sarò io che ne capisco poco, ma se per 3 Challenge di fila Trono fa questi risultati significa che è intenibile!

Il problema più grosso sono quei 7 mana con 3 terre che è barare sul mana: può anche andare bene in un formato come il Modern ma in un mondo di comuni non si può gestire qualcosa del genere.
Barare sul mana è troppo forte in Pauper.

Fosse un mazzo che fa un sacco di mana e fa solo minacce potrebbe essere arginabile, ma ha anche counter e card advantage: tranne dignitario devi praticamente counterargli tutto il mazzo ed è impossibile.
Magari ti può riuscire in una o due partite ogni tanto, ma nella maggioranza dei casi non ne sei in grado.

Te mi puoi dire che potrebbero stampare carte per gli altri mazzi, sbagliatissimo!
Tron gioca 5 colori e se per sbaglio esce una carte forte c’è il rischio che se la metta nel mazzo: a livello di mana è l’archetipo messo meglio perchè ne ha troppo ed a livello di spell pure visto che può giocare tutti i colori.

Le uniche partite che vedo perdere a Trono sono perchè mulliga a 4 o perchè l’avversario fa partenze rotte, ma questo si può dire di ogni mazzo.
Comunque a parità di mano rotta quella di Trono sarà sempre più forte della tua.

La soluzione migliore è bannare le terre di Trono.
Cambierebbe il meta e ci sarebbero più midrange e non solo quelli con Molten Rain e Pyroblast in abbondanza, avremmo anche mazzi blu che non sono più obbligati a puntare sul ninja di secondo con l’imperativo di provare a battere Trono e ci sarebbero un sacco di Control.
Ora come ora, l’unico Control giocabile è Tron: se vuoi giocare controllo quella è l’unica via.

Che tu chiuda Tron e faccia Muldrifter, Fangren o Skyfisher, il problema sono quei 7 mana, purtroppo l’archetipo è divenuto troppo consistente e in trono ci arriva troppo spesso.
Quando mi chiudono Trono di terzo con prisma ho la sensazione di aver già perso la partita salvo miei start nuts: tu sai che hai perso una partita a turno 3 da un Control, non da un aggro.

Perdere a turno 3 da un Control è una barzelletta!

 

cicciogire aka Francesco Giresi
Top8 Challenge 26/04

.

.

Sono molto soddisfatto perché dopo che mi aveva dato alcune delusioni finalmente il mazzo ha girato come dovrebbe.

Penso di aver giocato bene, soprattutto vs mono U di Jherjames e vs il nuovo mazzo ciclo sul 4-1 che sembra avere un ottimo potenziale ed un pessimo matchup per Tron.

Scattershot di side è stata immensa, ringrazio Adepto per averla introdotta!

Ricordo come se fosse ieri i primi tempi in cui ci siamo messi a modificare Tron, quando Pietro veniva trattato come un lebbroso perché giocava 4 impulse ed io ero additato come un visionario quando proponevo il terzo Teachings di side.

Ora tutti apprezzano e copiano ma pochi ricordano da dove sian venute quelle idee di build e, soprattutto, quanto siano state schifate a suo tempo.
Mi sono preso una bella rivincita, non c’è che dire!

 

Modern_Monkey aka Francesco Manzari
Finalist Challenge 16/04