Intro a Mono Red Storm

da | Apr 28, 2020 | Deck Guide

Articolo di Matteo Manizza

Introduzione

Salve a tutti, mi chiamo Matteo Manizza, giocatore ed admin di Lega Pauper Marche, ed ho scritto quest’articolo per parlarvi del mazzo con cui abbiamo raggiunto la top8 alla Pauper Challenge del 27/04/2020, “creato” da me ed il mio fedele compagno di mtgo federusher.

Cycle Storm by federusher, Top8 Pauper Challenge 26/04/2020

Creatures (26)
Deadshot Minotaur
Drannith Healer
Drannith Stinger
Imposing Vantasaur
Monstrous Carabid
Street Wraith
Viashino Sandsprinter

Spells (22)
Faithless Looting
Rite of Flame
Cabal Ritual
Manamorphose
Reaping the Graves
Songs of the Damned
Lands (12)
Forgotten Cave
Geothermal Crevice
Snow-Covered Mountain

Sideboard (15)
Death Spark
Flaring Pain
Lotus Petal
Pyroblast
Shredded Sails

Dico “creato”, tra virgolette, perché in realtà la meccanica chiave del mazzo è stata presa dallo streamer Caleb Gannon, streamer celebre per costruire in pauper, e probabilmente in ogni formato, mazzi Storm.

Ve la dico tutta, per me Caleb Gannon è un artista.

Il famoso creatore ha infatti preso un vecchio mazzo, il Songs of the Damned Combo, e lo ha reso decisamente più competitivo grazie alle nuove carte provenienti dal set Ikoria: Lair of Behemoths.

Songs Combo by Kurogi Takehiko, Pauper League marzo 2018

Creatures (33)
Crypt Rats
Deadshot Minotaur
Disciple of Malice
Architects of Will
Viscera Dragger
Horror of the Broken Lands
Krosan Tusker
Monstrous Carabid
Pit Keeper
Satyr Wayfinder

Spells (9)
Songs of the Damned
Gnaw to the Bone
Consume Spirit
Lands (18)
Barren Moor
Evolving Wilds
Forest
Golgari Rot Farm
Island
Mountain
Swamp

Sideboard (15)
Dispel
Evincar’s Justice
Gorilla Shaman
Gut Shot
Natural State
Snuff Out

Sfortunatamente il mazzo da lui inizialmente creato non ci piaceva, così abbiamo deciso di cambiargli colore base, carte in side, e… un po’ tutto insomma, lasciando parte dello scheletro della meccanica di base.

Cycle Storm by Caleb Gannon

Creatures (24)
Lurching Rotbeast
Monstrous Carabid4 Street Wraith
Drannith Healer
Drannith Stinger
Horror of the Broken Lands
Imposing Vantasaur

Spells (24)
Reaping the Graves
Songs of the Damned
Cabal Ritual
Chromatic Sphere
Chromatic Star
Dark Ritual
Lotus Petal
Lands (2)
Crumbling Vestige6 Swamp

Detto ciò, passo alla spiegazione del mazzo, poi alla valutazione di ogni singola carta, infine alle motivazioni che ci hanno spinto a scegliere questa versione.

Vorrei mettere in chiaro sin da subito che questa versione probabilmente sarà lungi dall’essere quella definitiva, anzi spero vivamente che il mazzo venga assimilato dalla community, migliorato e reso un tier a tutti gli effetti.

Come funziona

Come detto, la meccanica di base non è farina del mio sacco, ma penso di averla compresa decentemente.

Non starò a scrivere un papiro su come scombare, darò solo delle linee guida, anche perché avendolo sviluppato solo da pochi giorni i miei consigli potrebbero risultare inadeguati, vista anche la notevole mole di test che il mazzo ancora necessita.

Il turno medio di scombata è il quarto, raramente il terzo.
I primi turni li passerete a ciclare creature, infatti ogni creatura può essere ciclata con mana R, così da poter utilizzare le terre senza possibilità di avere carte morte in mano.
Consiglio infatti ai futuri giocatori dell’archetipo di inserire solo ciclanti che possano essere utilizzati tramite il mana fornito dalle vostre terre, così da poter ciclare costantemente senza mai bloccarvi.
Appena trovate carte chiave per la scombata, fondamentalmente Reaping the Graves e palate di mana, potete partire.
Questo è tutto, ovviamente ci son differenti giocate per ottimizzare la cosa, ma sarebbe molto più difficile scriverle che mostrarle in una partita, come tale mi fermerò qui con la spiegazione.

Il mazzo

Manabase

Per la quantità giusta di terre ci siamo affidati a dei calcolatori di percentuali, calcoli che non riporterò perché troppo lunghi e, decisamente, troppo noiosi, basati perlopiù sulla possibilità di trovare la seconda terra anche nella peggior situazione possibile.

2 Forgotten Cave – Terra ciclo, utile in scombata, ma meglio non averne troppe per non rischiare di ritrovarsi troppo lenti nei primi turni.
4 Geothermal Crevice – Terra estremamente forte, lenta nei turni iniziali, ma permette di fixare nero senza l’uso di ulteriori slot nel deck; il mana verde si rivela utile anche per Manamorphose e per Deadshot Minotaur. Se avessi potuto sceglierne i colori, li avrei scelti così.
6 Mountain – 12 terre totali, come detto trovo sia la quantità giusta per trovarne facilmente 2/3, tenendo mano iniziale con una sola terra.

Creature

Qui le creature si dividono tra umili peschini, utili solo per la capacità di ciclare a costo 1 o meno, e carte necessarie per la combo; fortuna vuole che mamma Wizard abbia donato anche alla carte-combo la capacità di ciclare, rendendo il mazzo infinitamente più snello.

4 Deadshot Minotaur – Ciclino pessimo, ma migliore di altri, utilizzando G/R per ciclarsi; la creatura in compenso è valida.
4 Drannith Healer
Ciclante ottimo, creatura molto forte vs Aggro spinti, dove guadagnare qualche vita può darvi un turno ulteriore per preparare la combo, cosa a dir poco importante per un mazzo simile.
4 Drannith Stinger
Chiusura del mazzo, ed ottimo ciclante grazie al mana incolore; una volta appoggiato a tavola, ogni ciclata è 1 danno o più, se ne avete castati altri.
4 Imposing Vantasaur
– Ciclante incolore.
4 Monstrous Carabid
B/R sono i mana che generiamo in combo, come tale è un ulteriore ottimo ciclante.
4 Street Wraith
Quello che probabilmente è il ciclante più forte in assoluto, ovviamente dovrete stare attenti a non andare troppo bassi di vite, soprattutto vs certi archetipi.
2 Viashino Sandsprinter
Il peggiore della lista, cicla solo con R, anche se la creatura è “guardabile”.

Magie

Come detto, accumulare mana per poter partire è fondamentale, così ho inserito i migliori riti disponibili sul mercato.
4 Cabal Ritual
Il rito più forte, arrivare in soglia è estremamente semplice.
4 Manamorphose
Carta dal power level talmente alto che tirarla in questo formato è come barare. Questa carta non solo ci fa pescare a gratis, ci da Storm Count e ci fixa il mana B per poter iniziare a scombare, ma in scombata riesce a trasformare le palate di mana B generate da Songs of the Damned in mana rosso, utile per continuare a ciclare/castare le poche carte che necessitano di rosso una volta partiti.
4 Reaping the Graves
Carta combo del mazzo, necessaria. Scendere sotto le 4 copie, nonostante il costo elevato della carta, trovo sia una follia. Senza di questa carta è difficile partire, e se una volta partiti non riuscite a trovarla la vostra combo si ferma, probabilmente con una conseguente sconfitta. L’ideale sarebbe iniziare la combo avendola sempre in mano, cosa che spesso capita vista la notevole quantità di pescate i primi turni.
4 Songs of the Damned
Ho definito Cabal Ritual il “rito più forte”, cosa innegabilmente vera, se non fosse che in questo mazzo viene ampiamente surclassato da Songs of the Damned. La quantità di mana che questa carta può generare è impressionante, anche se ad inizio combo sembrerà aggiungere relativamente poco, in scombata si rivelerà per tutto il suo potere.
2 Faithless LootingAltra carta dal power level elevatissimo, messa solo in due copie perché utile soprattutto in scombata, dove vuoi scartarti alcune delle poche pescate morte (terre, carte sidate), scomoda in mani dove non vorresti scartarti nulla; può essere utile per cercare terra nei primi turni, ma comunque scomoda.
4 Rite of Flame
Abbiamo scelto questa carta sopra Dark Ritual per via del colore: generare mana R durante la scombata è piuttosto difficile, e Rite of Flame aiuta infinitamente.

Sideboard

4 Death SparkQui vorrei spenderci qualche parola. Trovo che la carta in questione sia talmente forte nel deck da permettere un leggero cambio di piano in g2 verso certi mazzi, soprattutto deck a base blu pieni di fatine scomode, genericamente MU negativi, i quali si ritrovano in un soft lock da risolvere, dato che per questo deck è estremamente facile trovarne due copie. Ovviamente molto forte vs qualsiasi mazzo pieno di 1/1, tipo Elfi.
2 Flaring Pain
Non giocare questa carta significa perdere da ogni deck con Prismatic Strands, e la cosa non mi va.
2 Lotus Petal
Questi due slot erano vuoti, così abbiamo deciso di aggiungere due petali per migliorare il deck da mazzi veloci, ma penso che verranno presto sostituiti.
4 Pyroblast
Non sto neanche a spiegarla, ma non mettete REB al suo posto, Pyroblast è stata spesso tirata a vuoto per aumentare lo Storm Count o per avere accesso a Soglia.
3 Shredded Sails
Penso sia il miglior spacca artefatti/anti-hate disponibile. Spacca artefatto, volante molesto e si cicla a costo relativamente basso. Non potrei chiedere di meglio.

Grandi assenti

Chromatic Star / Chromatic SphereGrazie nuovamente ai vari calcolatori di percentuali disponibili online, abbiamo visto come avere 8 fixer (4 Geothermal Crevice, 4 Manamorphose) bastino per avere il mana nero necessario. Per essere precisi: su 15 carte (7 di mano, 3-4 di turno, 3-4 ciclante, per stare bassi) si ha ben il 91.6% di possibilità di vedere uno dei dati fixer. Possibilità più che accettabile per scegliere di non indebolire il deck con carte simili.
Lotus Petal – Inseriti solo in side, risultati abbastanza deludenti, mentre nel maindeck non ci son mai serviti a nulla, tranne aumentare lo Storm Count; il mana che sviluppa è pressoché irrilevante.
Seething Song – Carta che stiamo prendendo in considerazione al momento, vorremmo inserirla in 2x.
Fireball / Kaervek’s Torch / Rolling Thunder – Chiusure alternative per sfruttare la mole di mana generato, non le trovo necessarie: una volta sviluppato molto mana, la combo fa il resto; un 1x di chiusura alternativa potrebbe essere carino, ma non vedo perché indebolire la struttura del mazzo per aggiungere una carta che non migliora eccessivamente il nostro piano.

Conclusioni

Voglio pubblicare, infine, quelli che ritengo i pro e i contro delle varie versioni girate finora, ed il perché ho scelto proprio base rossa per sviluppare il deck.

BASE NERA:

Pro:

  • Mazzo estremamente solido avendo tutti i ciclanti neri.
  • Permette partenze più veloci (può riuscirci a turno 3, faticando sicuramente meno di base verde o rossa).

Contro:

  • Difficoltà ad avere un buon Storm Count i primi turni.
  • Necessità di Epicure of Blood (forse ci son anche altre carte, ma non le conosco) per evadere Prismatic Strands, carta dal costo di mana elevatissimo, pure per noi.
  • Nessuna carta di anti-hate in side (nessuno spacca artefatti nero).
  • Necessità quindi di splash in side per contrastare hate.
  • Splash reso estremamente difficoltoso dalla carenza di ottimi fixer, necessitando carte come Chromatic Sphere / Chromatic Star, indebolendo il maindeck.
  • Side genericamente molto più debole di qualsiasi altra versione (Duress < Pyroblast)

Cycle Storm by saoli, 9th Pauper Challenge 25/04/2020

Creatures (27)
Architects of Will
Drannith Healer
Drannith Stinger
Horror of the Broken Lands
Imposing Vantasaur
Lurching Rotbeast
Street Wraith

Spells (24)
Consume Spirit
Edge of Autumn
Haunting Misery
Unearth
Cabal Ritual
Dark Ritual
Reaping the Graves
Songs of the Damned
Lotus Petal
Lands (9)
Swamp

Sideboard  (15)
Chromatic Sphere
Duress
Faerie Macabre
Grisly Survivor
Victim of Night
Weather the Storm

BASE VERDE:

Pro:

Contro:

  • Assenza di un buon numero di creature ciclabili con mana G, rendendo quindi difficile ottimizzare le terre.
  • Assenza di “riti” a base verde, dovendo per forza utilizzare riti (e ciclanti) di colori differenti.
  • Scombata genericamente più lenta della versione a base nera (turno 4, difficilmente turno 3).
  • Accesso a carte di hate più difficoltoso, come Pyroblast.
  • Più debole della versione base rossa vs mazzi a base blu, soprattutto Skred/Mono U.

Cycle Storm by jamiieJR, 11th Pauper Challenge 26/04/2020

Creatures (29)
Deadshot Minotaur
Drannith Healer
Drannith Stinger
Horror of the Broken Lands
Imposing Vantasaur
Monstrous Carabid
Street Wraith
Tinder Wall

Spells (25)
Land Grant
Cabal Ritual
Manamorphose
Reaping the Graves
Songs of the Damned
Chromatic Sphere
Chromatic Star
Lands (6)
Barren Moor
Forest
Swamp

Sideboard (15)
Barren Moor
Tinder Wall
Dissenter’s Deliverance
Flaring Pain
Geothermal Crevice
Red Elemental Blast

BASE ROSSA:

Pro:

Contro:

  • Scombata genericamente più lenta della versione a base nera (turno 4, difficilmente turno 3).
  • Difficoltà ad avere carte in side forti vs aggro spinti (o almeno non ne ho ancora trovate).

 

Dunque, il motivo per cui ho scelto base rossa è proprio per l’adattabilità del mazzo a molti MU, grazie alle carte in side dal notevole power level.
Qualcuno potrebbe giustamente voler provare a trasformare il deck in un bicolor, cosa che al momento mi sento di sconsigliare, causa l’indebolimento della solidità del deck stesso.
Detto ciò, non date solo ascolto a queste indicazioni, ma provate a costruirne la versione che meglio credete possa vincere.
Beh, credo di aver detto tutto, spero che l’articolo via sia piaciuto, così come il mazzo stesso.