Top 8 Commons: Theros Beyond Death

da | Gen 17, 2020 | Game Analysis

Articolo di Bragioto Pietro e Sanfilippo Luca,

Dopo Eldraine che ha scosso il Pauper, e non solo, con il suo power level sopra le righe, eccoci ad una rivisitazione di Theros che ci riserva interessanti comuni giocabili, tra le quali spiccano le prime due che vedranno sicuramente gioco, secondo la mia modesta opinione.

Ad affiancarmi in questa analisi ho invitato Luca Sanfilippo, player torinese e Judge di LV1, inoltre ho scelto di riproporre i criteri adottati nella scorsa analisi:

Volevo precisare,a  fronte di probabili critiche, che avere una “casa” per le nuove carte incide davvero tanto nella valutazione: l’esempio più emblematico è l’esclusione della carta Daybreak Chimera da questa top 8, comune che comunque voglio includere nelle Menzioni Onorevoli.

Questa new entry ha senza dubbio un ottimo power level ed un effetto ottimo perchè farla entrare di terzo non è niente male, in un mazzo come White Weenie basta un costo 2 con doppio specifico per avere una buona curva, sto parlando dei vecchi Loyal Cathar e Leonin Skyhunter.
Il problema di fondo è che WW non è un mazzo nell’ambiente competitivo e questa carta non è tanto quanto una Lead the Stampede o Winding Way per Tramutanti: nessun salto di qualità, questa carta resterà nella categoria delle speranze infrante.

.

8) Pharika’s Libation: voto 6,5

Bragioto: 6

L’esperienza mi ha insegnato che le carte fuori dal color pie sono da tenere in alta considerazione, anche se mediocri di per sè.
In questo caso, pagare 3 per far sacrificare una creatura è decisamente underpowered per il nero in Pauper, ma il poter far sacrificare un incantesimo è una possibilità che quel colore non aveva fino ad ora.
Ora anche gli archetipi neri potranno gestire gli incantesimi e questo apre possibilità soprattutto nella side: potrei vedere questa carta in 1 o 2x nella side di UB Angler Delver come contromisura ad Aura e risposta retroattiva ai Journey to Nowhere avversari e non la disdegnerei, sempre di side, in MBC e UB Teachings.
La vera domanda è se siamo disposti e pagare quel mana in più per avere un effetto flessibile o fuori dalla color pie.

Sanfi: 7

Cosa? Come? Il nero che ha un out per gli incantesimi? AD INSTANT? Dove devo firmare? Eccitazioni flavouristiche a parte, trovo questa carta un’eccellente sideboard plan contro incantesimi molesti, ma non mi stupirebbe vederla in 1x in qualche Teachings Deck speziato, soprattutto perché fa sacrificare anche la bestiola dell’avversario.
Forse il costo di mana è leggermente eccessivo, e questo, per me, ne fa abbassare la valutazione, ma sono fiducioso che verrà inserita ben volentieri in qualche archetipo.
.

7) Omen of the Forge: voto 6,5

Bragioto: 6/7

Non vedrei male questa carta come 1x in un Boros Monarch: la concorrenza nel parco removal è spietata e questa carta potrebbe trovare spazio solo grazie alla sua polivalenza perchè non è solo una removal.
La prima cosa che salta agli occhi è la sinergia con Kor Skyfisher che permetterebbe contro aggro di riprendere subito questo botto incantesimo, al posto del solito sasso into sasso alla cerca di altre removal: negli spot dove Boros ha bisogno subito di altri botti vs aggro o elfi, questa carta fornisce sicuramente quel qualcosa in più, oltre ad arrotondare i value enabler di Skyfisher a 8 o 9, a seconda che giochiate 7 o 8 sassi MD.
La seconda caratteristica rilevante, in un mazzo Midrange e senza shuffle effect come Boros Monarch, è lo scry 2 che in mid-late game, quando siamo saturi di terre, sarà assolutamente rilevante per evitarci topdeck morti.

Sanfi: 6

Anche per lei sento urlare il nostro amato Ghostly Flicker di gioia.
Shock a due mana sottoforma di incantesimo non mi entusiasma particolarmente, ma le magie con Flicker sono molteplici e potenzialmente letali. Sicuramente sarà da tenere in considerazione e sotto controllo.

.

6) Hero of the Pride: voto 6/7

Bragioto: 6/7

Questo gatto sarà in contesa per le creature di Pisellini, ossia Mono W Heroic, perchè, anche se non riceve segnalini permanenti, riceve un bonus momentaneo in stile Seeker valorizzando eventuali creature in più sul board.
Pisellini non è certo un mazzo go wide, ma a volte rimane con una Lagonna-Band Trailbrazer o con una Akroan Skyguard in eccesso sul board che non riceve le attenzioni delle auree: targhettando questo gatto a costo 2 riusciamo a pushare un buon output di danni quando abbiamo altre creature e ciò è fondamentale in Mu di pura race come Tron.
La carta potrebbe entrare nell’ archetipo in 2x per riempire la curva a 2 e potrebbe contendere il posto ai i Sacred Cat che sono sempre stati un carta jolly di questo archetipo.
Non sono sicuro che la carta troverà posto nell’archetipo ma rimane una buona opzione da considerare se il meta richiede race e di corse contro il tempo.

Sanfi: 7

Theros è tornata e con lei anche la molto amata meccanica Heroism. Questo leoncino può portare nuova luce ad archetipi morti come W/R heroism o pisellini, ovviamente ben settati per sfruttare al massimo la sua innescata.
Non vorrei, però, troppo sbilanciarmi, perché un Rally the Peasants con le gambe può avere più mali che pregi, tuttavia, se sopravvive qualche turno di troppo, può facilmente portare la race a vostro favore.

.

5) Relentless Pursuit: voto 7

Bragioto: 6+

Il richiamo greedy di prendere sia terra che creatura, in un mazzo dove questo conta, è allettante; il mazzo che viene in mente è senza dubbio Tron.
L’ostacolo principale è l’essere verde e quindi di un colore secondario, considerando anche che le versioni attualmente al top dell’archetipo sono fondamentalmente UW, non sembra un’opzione che possa insidiare carte come Impulse, Alchemy, Compulsive Research e Deep Analysis.
Mi verrebbe da azzardare una sua giocabilità in Fangreen Tron che attualmente sta vedendo un pelo di gioco, il verde è un colore certamente più supportato della versione Lock e non abbiamo la concorrenza della Card engine blu: potrebbe benissimo affiancare Stirrings e Mappe come 2x, unendo le forze per chiudere Tron o trovare un Crusher che svolterà la partita.

Sanfi: 8

Un bel mappazzone tra Forbidden Alchemy e Pulse of Murasa, però a velocità di stregoneria. Mh, bene ma non benissimo, insomma. La carta in sé ha molto potenziale, per questo voglio azzardare una valutazione forse più alta di quanto possa meritare davvero. Potrà trovare spazio in qualche shell di trono che vorrà massimizzare il grave per poi ottimizzare Pulse of Murasa e Mnemonic Wall. La curiosità è molta e sicuramente la proverò in 1/2x.

.

4) Starlit Mantle: voto 7+

Bragioto: 6+

Il fatto che faccia Fizzare removal avversarie con un bonus permante di +1/+1 è interessante, non è l’abbinamento più forte o proattivo ma resta una simpatica ipotesi da avere.
2 sono le case che posso trovare a questa simpatica aura trick: la prima è un mono U tempo e aggressivo, vecchio stile, che si trova costantemente sull’offensiva e bisognoso sia di protezione alle removal, sia di bonus alle sue piccole creature per impostare una race o contrastare gli aggro con un combact trick.
La seconda casa è un mio vecchio amore, ossia UW Tribe, dove questa carta potrebbe essere giocata in 2x ed essere una decente alternativa a cartuccio visto che il bonus +1/+1 è davvero importante contro Strega, Ninja, Ghitu lavarunner; il dubbio è se convenga tradare “volare” e “pesco 1” con “flash” e “Hexproof” monouso.
La mia risposta al quesito al momento è sì: flash consente di mangiare un x-2 attaccante dell’avversario e scombinargli la race, è una ottima contromisura a Journey consentendoci di portare a 6 le risposte ad esso MD e consente di forzare i possibili botti avversari quando si vuole minacciare la scombata.
La principale obiezione è che il mazzo rimane lo spettro di quel che fu, ma non rivanghiamo oltre e lasciamo queste righe malinconiche per proseguire con l’analisi.

Sanfi: 8+

Ho uno strano rapporto con le auree, ci leggo sempre “1×2 per l’avversario, riprovaci un’altra volta.” Quando ho letto questa, ho avuto un discreto sussulto. +1/+1 Flash, hexproof e caffè macchiato senza zucchero, grazie. Sicuramente troverà spazio in tutti gli archetipi che hanno estrema necessità di proteggersi il pezzo chiave (sì Tribe, ce l’ho con te, inutile che ti nascondi). Promossa a pieni voti.

.

3) Karametra’s Blessing: voto 7+

Bragioto: 7,5

Uno dei grandi problemi di Pisellini è sempre stato Journey to Nowhere perchè nel caso si abbia un effetto protezione in stile Emerge Unscathed e Cho-Manno’s Blessing, la creatura riceve protezione dal bianco e Journey non la esilia, ma vengono staccati da essa tutti i nostri incantesimi che sono, per l’appunto, bianchi.
Un instant common bianco che dia Hexproof non penso di averlo mai visto, quindi si tratta di un opzione nuova unita ad un Bonus +2/+2 che sarà rilevante anche solo per uso offensivo in questo archetipo.
La clausola indistruttibile può sembrare superflua in un formato senza wratte, ma può rivelarsi utile in situazioni di nicchia come combattimenti che coinvolgano un Atog o possibili scontri alla pari contro Aura avente Bogle con First Strike.
Ad ogni modo, il suo ingresso nelle liste di Heroic non mi sembra minimamente in discussione e questa sarà una delle due carte dell’espansione che vedranno sicuramente gioco.

Sanfi: 7

Magic mi ha insegnato che se un drop ad 1 instant ha più di tre righe di testo, ci siam quasi sempre trovati davanti a carte, quantomeno, interessanti.
Pump spell discreta più eventuale “bodyguard effect” rendono questa magia una discreta threat da tenere sotto controllo.

.

2) Omen of the Sea: voto 7,5

Bragioto: 7

Siamo di fronte ad un Preordain instant overcosted che ci fornirà una scryata futura, un po’ poco per entrare nel formato se non fosse per lo stesso dettaglio della controparte rossa: è un permanente rimbalzabile o flickerabile per riutilizzare il suo ETB.
Potrebbe diventare un simpatico target di Ghostly Flicker, sono abbastanza sicuro che non troverà gioco in Tron perchè Impulse è anni luce sopra come Power Level, ma non posso dire lo stesso sulla sua giocabilità in familiar dove spesso manca il secondo target per Flicker soprattutto in midgame e dove avrebbe buona probabilità di essere scontato a 1 grazie al Sunscape Familiar.
Inoltre riflettevo sul fatto che le ultime shell di UW Familiar performanti, stanno adottando un reparto counter abbastanza nutrito con minimo 4 Prohibit: il fatto che gli Omen abbiano flash potrebbe rivelarsi davvero rilevante per l’ efficienza di mana nel caso dovessimo tenerci open per minacciare il Prohibit senza doverlo usare.
La concorrenza degli storici cantrip a 1 è senza dubbio agguerrita e difficile da superare, ma il fatto di essere un enabler per Flicker fuori da removal potrebbe far sì che questo Omen riesca a guadagnarsi qualche spazio nelle shell Familiar.

Sanfi: 8

Sento Ghostly Flicker urlare di piacere da svariati kilometri. Per un mana in più, accetto volentieri un preordain con flash e, cosa ancora più importante, flickerabile a piacimento. Credo che Familiar non veda l’ora di inserire questo nuovo giocattolo per rendere molto più stabile e solido l’archetipo. Non mi dilungo sull’attivata, perché è solo un plus che, però, trovo piuttosto irrilevante. Per me, assolutamente approvata.

 

N.B. Flicker non flickera gli incantesimi, paragrafo da skippare, carta fuori classifica.

.

1) Warbriar Blessing: voto 8

Bragioto: 8

Ecco la bomba dell’espansione!
Un upgrade su quasi tutti i fronti al cartuccio verde perché a scapito delle piccole differenze che potremmo discutere tra le due carte, ce n’è una che surclassa il resto: costa un mana in meno.
Possiamo metterci a disquisire se un +1/+1 sia più rilevante di un +0/+2 o se la nona fonte che fornisce Trample sia rilevante: non è importante.
Quest’aura può essere fatta di secondo solo con il colore primario, senza intasare la curva a 3 del mazzo ed andando fuori subito da Electrickery, andando a disturbare in early il gameplan di mazzi come Elfi o Faeries ed in mid quello di Affinity o Stompy, sballando i conti di una race o rovinando la scurvata avversaria.
Punire otp partenze avversarie come terra fatina, terra delver o terra boppino non avrà prezzo!
Anche contro Tron avere un effetto lotta può essere decisamente rilevante, visto che molte volte i Tron players son costretti a tapparsi out per Dignitario sperando di stappare con esso e flickerarlo o effimerarlo; aggiungere un tocco disruptive in un archetipo così lineare senza andare troppo ad indebolire il piano principale farà la differenza in innumerevoli match futuri.
Questa apparentemente innocua aura è una risposta a stendardiera nel post side, economica e tutorabile all’evenienza con Heliod’s Pilgrim visto che, come il cartuccio, incanta solo una “creatura che tu controlli” non venendo ridiretta su stendardiera; con queste auree intelligenti non siamo costretti a sidare troppe carte imbarazzanti come Gutshot che sarebbero valorizzate solo dall’hate avversario e non potrebbero essere tutorate.

Sanfi: 8

Ecco un’altra aura che anziché farmi storcere il naso, mi ha abbastanza titillato il palato. Due mana, pompa il sedere alla bestiola e la fa lottare contro il nemico, quindi potenzialmente una discreta rimozione a due mana. Difficilmente andrà a sostituire il ben noto Savage Swipe, però può essere un giocattolino molto interessante per gli aura decks, che è ben noto per essere privo di rimozioni davvero decenti. Da provare, assolutamente.