Team Trio Pauper: Scelta dei mazzi e Info base

da | Nov 29, 2019 | Pietro Bragioto

Articolo di Pietro Bragioglio

Intro

Si avvicina sempre di più il Pauper War emiliano del 15 Dicembre che tra, cene in trattoria e risvegli dolorosi, quest’anno avrà un’importante novità: Sabato 14 ci sarà un Team Trio Pauper!

Parto subito con una precisazione tecnica: non è un Team Trio!
Mi spiego meglio: il torneo Team Trio solitamente consta 3 formati senza restrizioni di build all’infuori delle classiche banlist, quello del 14 sarà un Team Constructed Unified: 3 player con 3 mazzi Pauper che non dovranno avere alcuna carta in comune fatta eccezione per le basiche.
Questo vuol dire che se un mazzo gioca Prophetic Prism, nessun’altro compagno di team avrà accesso a quella carta; inoltre se io dovessi giocare di side un 2x di Electrickery, nessun altro potrà usarla anche se io non ne gioco il 4x.
Non nascondo che la recente legalizzazione di Red Elemental Blast e Blue Elemental Blast, renda le cose più facili in questa direzione, ma per il resto delle sidate e delle stample sarà un bel dilemma.

Perchè ho deciso di utilizzare una denominazione impropria di proposito all’inizio e nel titolo dell’articolo?
Per le persone ignoranti in tecnicismi Wizard, come il sottoscritto, Team Trio suona più familiare e capibile: “Vado al Team Constructed Unified del Pauperwar” è un’espressione che devo ancora sentire, mentre “Team Trio” è di uso comune.
Quindi ogni qualvolta dirò “Team Trio” in quest’articolo, sappiate che sarà un’espressione impropria utilizzata per comodità ed immediatezza.

In questo articolo non si discuterà delle liste dei mazzi nel dettaglio o di come settarle, si parlerà delle possibili combinazioni di archetipi per un team trio sotto la restrizione della “Carta unica”: vediamolo come un articolo di infarinatura, anche perchè anch’io, come molti di voi, sarò al mio primo “Team Trio” Unified.
Penso sia utile una carrellata dei principali archetipi che condividono alcune stample del formato, facendo qualche ricerca penso che gran parte della discussione sia riconducibile a 3 grandi categorie:

1) Prophetic Prism. deck

  • Tron
  • Boros Monarch
  • Affinity

Questo è il primo grande scoglio nella scelta degli archetipi: quale mazzo con il fixino povero per antonomasia giocare?
Do’ per scontato che un Team, salvo strategie anticonvenzionali, debba giocare almeno uno di questi 3 mazzi, sia la potenza intrinseca di questi ultimi e sia per il fatto che questi se la possano giocare con quasi tutto il field.
Curiosamente questi 3 archetipi sono molti diversi tra loro ed è impossibile fare una sidata specifica che vada a targhettare tutti i prism.deck; è proprio questo il bello del “Team Trio”: un field ampio già dalla prima grande scelta!
.

2) Lightning Bolt. deck

  • Boros Monarch
  • Boros Bully
  • UR Delver
  • UR Faeries
  • Burn
  • RDW
  • Jeskai Ephemerate

Trovo davvero difficile rimpiazzare Bolt in ognuno di questi mazzi e potrei vedere una flebile speranza solo nel caso di Bully che potrebbe adottare varie soluzioni di ripego: da Flame Slash a Firebolt, da Seal of Fire a Burst Lightning.
Già da questa seconda divisione, vediamo che la scelta di Boros Monarch preclude molte alternative e se uno del vostro Team lo vorrà a tutti i costi, gli altri dovranno con tutta probabilità ripiegare su archetipi monocolor quali Stompy, Elfi o Mono U.
.

3) Archetipi unici

  • Elfi
  • Stompy
  • Aura
  • MBC
  • Ponza Monocolor (G o B)
  • BW Pestilence
  • Mono U Delver
  • UB Teachings
  • UB Alchemy
  • UWx Familiar
  • UGx Muri Combo
  • UW Tribe

Trovo davvero difficile che non si attinga da questa categoria per almeno un mazzo del Trio, le alternative in questo gruppo sono così tante che non vale la pena passarle al dettaglio: i più Tier del gruppo sono i classici 3 mazzi sempreverdi, quindi nel vostro probabile mazzo interattivo vi consiglio di non limare Electrickery, Sandstorm o simili!

 

Il posto centrale

In questo genere di tornei, i posti al tavolo da 3 vs 3 devono essere scelti prima della competizione e rimarranno fissi per la sua intera durata; mentre la scelta dei posti ai lati è aleatoria, la scelta del posto centrale è fondamentale.
Al centro, solitamente siede il capitano della squadra che non per forza coincide con il giocatore più forte, infatti il ruolo principale dell’uomo di mezzo sarà quello di dispensare consigli ai compagni di squadra in situazioni dubbiosi come il possibile mulligan di una mano borderline oppure intraprendere una scelta proattiva sulla board o sulla card engine al posto di stare counterspell open.

Per questo, vi consiglio che il vostro centrale abbia le seguenti caratteristiche:

  • Velocità: una persona lenta non ha il tempo materiale di dare consigli;
  • Archetipo non intensivo: punto riconducibile al primo visto che anche se non sei un giocatore lento, potresti non avere il tempo di aiutare i tuoi compagni di team se giochi un Tron con chiusure ridotte all’osso o un UB Teachings;
  • Conoscenza: posso anche essere un top player di Tron, ma se non so essere utile ad i miei vicini con UR Skred ed Elfi, non sono un buon centrale per il Team;
  • Sicurezza: il tempo è poco e passarne troppo a discutere di una situazione di gioco senza dare un consiglio sicuro, non è vantaggioso o utile.

Non mettete al centro “solo” il più forte, bensì il più utile al Team in quella posizione.
.

Conclusione

Con questo è tutto per questa infarinatura sul Team Constructed Unified Pauper, ora arrivano le infinite speculazioni con i compagni di squadra su improbabili previsioni di meta, su build alternative per ripartirsi al meglio le carte e su chi debba stare al centro.
Spero di vedervi numerosi a questo evento unico del nostro Bombo nazionale; personalmente avrò il piacere di fare Team con due vincitori dei Geddon, ossia il signor Mirco Ciavatta ed il diabolico Matteo Duchj: ci sarà da divertirsi.
Ci incontreremo a torneo o in trattoria a festeggiare insieme il bello di questa Community Pauper Italiana!