Report Top 8 Paupergeddon Pisa 2024: Andrea Imborgia con Rakdos Burn

da | Giu 26, 2024 | Decklists, Report

Intro

La vita è veramente strana.
Passi 10 anni a giocare a un tcg come Magic dedicandoci soldi e tempo, in vari formati dallo Standard al Modern, senza mai concludere una cippa. Mai un risultato degno di nota a nessun evento rilevante.
Eppure ne ho fatti davvero tanti. Grand Prix, ProTour Qualifier, Regional e chi più ne ha più ne metta. Finchè non arrivi alla conclusione che probabilmente è il caso di lasciar perdere.
Magari non sei abbastanza bravo oppure non sei semplicemente destinato a vincere.

Smetti di giocare e apri un attività legata allo stesso gioco di carte, perchè nonostante i risultati la passione resta sempre. Per 5 anni pensi solo a far girare quel gioco per il divertimento di chi come te in passato è innamorato di questo Hobby.

Poi un giorno incontri Simone Barberi, relatore della Lega Pauper Versilia, che ti consiglia di provare il formato dicendoti che sarà divertente e che potrai passarti i venerdì sera in un ambiente non tossico.
DI fatto la community pauper è la migliore che abbia mai incontrato.

Il gioco ti piace più di quanto immaginassi e nel giro di poche settimane ci sei di nuovo dentro fino al collo. Ricomincia il grinding su MTGO, le tappe di lega e  il testing nelle serate liberi con vecchi e nuovi compagni d’avventura.
Fai qualche top ai così detti ITP e ti ritrovi a giocare l’evento più importante del mondo, il PauperGeddon di Pisa.
Ed è qui che la storia culmina con quello che reputo un trionfo come nei migliore film Hollywodiani.

Sono Andrea Imborgia e questo è il report del mio torneo.

.

.

Il Mazzo

Direi che è il caso di cominciare dalla lista del deck che ho scelto, Rakdos Burn:

.

Rakdos Burn by Andrea Imborgia, 6th Place

Creatures (12)
Voldaren Epicure
Kitchen Imp
Sneaky Snacker

Instants (17)
Lightning Bolt
Galvanic Blast
Fiery Temper
Demand Answers
Deadly Dispute

Sorceries (12)
Faithless Looting
Vampire’s Kiss
Highway Robbery
Alms of the Vein
Lands (19)
Jagged Barrens
Drossforge Bridge
Bojuka Bog
Vault of Whispers
Great Furnace
Mountain

Sideboard (15)
Extract a Confession
Nihil Spellbomb
Gorilla Shaman
Cast into the Fire
Breath Weapon
Flaring Pain
Makeshift Munitions

.

.

La lista è abbastanza classica con alcuni cambiamenti personali che in alcuni casi si sono rivelati efficienti, in altri un pò meno. Ho deciso di tagliare le bounceland vista la quantità eccessiva di Ponza che giravano durante le prime settimane dall’uscita di MH3.

Di side ho optato per Flaring Pain, sia mai che becchiamo qualche Turbo Fog o Caw Gates di troppo, e Makeshift Munition, carta molto utili contro quei mazzi che ti portano in un mid-late game in cui rischi di rimanere corto di risorse.

.

.

Torneo

Passiamo ora a gli incontri stessi del torneo, non me ne vogliano i miei avversari ma probabilmente a causa della tensione di un torneo così importante non ricordo neanche uno dei loro Nomi. Premetto che erano tutti giocatori bravi e preparati a un evento del genere.

Turno 1: Ponza

G1 Perso.
Abbiamo una mano abbastanza lenta e il nostro avversario ci porge davanti  Writhing Chrysalis seguita da minacce che non ci danno il tempo di chiudere.

Side In: 3 Extract Confession, 1 Makeshift Munition

Side Out: 4 Voldaren Epicure

G2 Vinto.
Riusciamo a mettere in campo Kitchen Imp e Sneaky Snacker e a fare diversi danni nei primi turni con i vari botti del mazzo a chiudere il lavoro quando il nostro avversario riesce a trovare soluzione.

G3 Vinto.
Nonostante una Weather The Storm che ci rallenti di qualche turno riusciamo a rimettere in campo dal cimitero 2 Snacker che dal terzo turno picchiano selvaggiamente, merito anche di un mulligan a 5 non proprio propizio per un mazzo come Ponza

Match: 2-1
Score: 1-0

.

Turno 2: Mirror

G1 Perso.
Nonostante il nostro avversario arrivi corto di risorse rispetto a noi può contare sull’aiuto di Fodder Tosser che risulta letale.

Side In: 2 Gorilla Shaman, 2 Cast Into The Fire, 1 Makeshift Munitions

Side Out: 1 Deadly Dispute, 4 Voldaren Epicure

G2&G3 Vinto.
Non mi dilungo troppo poichè questi due game sono stati vinti da Sneaky Snacker e Gorilla Shaman in breve tempo e penso non ci sia bisogno di spiegare il perchè.
Danni veloci e mana denial fanno la differenza in un mirror come questo.
Nel G3 abbiamo avuto anche il supporto di Makeshift Munitions che ha messo la parola fine nel momento cruciale della partita.

Match: 2-1
Score: 2-0

.

Turno 3: Grixis Affinity

G1 Perso.
Mulligan a 5 del nostro avversario che però riesce subito a recuperare lo svantaggio e a porci 3 Myr Enforcer che ci uccidono mentre uno verrà sacrificato per impedirci i danni letali con Reckoner’s Bargain.

Side In: 2 Gorilla Shaman, 2 Cast Into The Fire

Side Out: 4 Sneaky Snacker avendo visto Nihil Spellbomb di main del nostro avversario

G2 Perso.
Nonostante 1 Cast Into The Fire sulla landa artefatto tappata a turno 2 ci viene counterato Gorilla Shaman con Beb seguito dalla stessa scia di Myr Enforcer che ci ha ucciso nel primo game.

Match: 0-2
Score: 2-1

.

Turno 4: Ponza

G1 Vinto.
Nonostante 2 Writhing Chrysalis che fermano il nostro Kitchen Imp riusciamo a vincere abbastanza velocemente con i vari Galvanic Blast e Lightning Bolt.

G2 Vinto.
Partita fotocopia della prima in cui il nostro avversario mulliga e vede abbastanza male, lasciando libero spazio ai nostri volanti di mandarlo basso di vite per vincere di botti.

Match: 2-0
Score: 3-1

.

Turno 5: Jeskai Ephemerate

G1 Perso.
Non riusciamo mai ad avere vantaggio sul nostro avversario nè in termini di vite nè di risorse. Union Of The Third Pact seguito da Archeomancer ed Ephemerate e la partita è purtroppo chiusa.

Side In: 3 Nihil Spellbomb, 1 Makeshift Munitions

Side Out: 4 Voldaren Epicure

G2 Vinto.
Riusciamo a rimettere dal cimitero 2 Sneaky Snacker e complice anche la mancanza di Counterspell siamo in grado di chiudere la partita in pochi turni.

G3 Vinto.
Non vediamo creature e siamo obbligati a utilizzare tutte le nostre risorse per portare a casa la partita in match up che ritengo tra i più brutti sopratyutto post side, ma la fortuna è dalla nostra parte e il nostro avversario non vede sufficientemente bene per poterci fermare avendo un unica counter.

Match: 2-1
Score: 4-1

.

Turno 6: UW Familiar

G1 Perso.
Se Jeskai era un match up brutto questo lo definirei pure peggiore dato che può dedicarsi totalmente ad interagire con le nostre giocate con in campo God-Pharaoh’s Faithful.

Side In: 3 Nihil Spellbomb, 1 Makeshift Munitions

Side Out: 4 Voldaren Epicure

G2/G3 Vinto.
Niente da dire, per superare scogli come quello di UW Familiar per il nostro mazzo serviva un miracolo che per fortuna è avvenuto. Due mulligan in entrambi i game e un eccesso di lande pescate nei momenti cruciali sono stati la nostra salvezza.

Match: 2-1
Score: 5-1

.

Turno 7: Ponza

G1 Vinto.
Anche qui molti danni durante i primi turni con le nostre creature volanti ci permettono di tirare fiery temper su boarding party e di avere tutto il tempo di vincere la partita.

G2 Perso.
Una Weather The Storm ci sballa i conti di una board già compromessa da doppia Writhing Chrysalis dando il tempo al nostro avversario di fare anche Annoyed Altisaur che pone fine alla partita.

G3 Vinto.
Anche qua graziati da un mulligan non troppo fortunato dal nostro avversario nonostante le innumerevoli lande che andiamo pescando le Nostre Sneaky Snacker si aggiudicano l’MVP che strappa la partita.

Match: 2-1
Score: 6-1

.

.

Turno 8: Walls Combo

G1 Vinto.
Questo match up risulta più semplice della versione con i cascanti per noi che abbiamo l’unico obbiettivo di non far tenere giù i pezzi della combo al nostro avversario mentre picchiamo coi nostri mostricattoili volanti.

Side In: 1 Makeshift Munitions

Side Out: 1 Voldaren Epicure

G2 Perso.
Purtroppo qua il nostro avversario riesce a passare dalla combo con Overgrown Battlement con noi a corto di Galvanic Blast, con i nostri danni letali annullati da una propizia Weather The Storm.

G3 Vinto.
In questa partita riusciamo a tenere a bada la combo come nella prima partita e a vincere lentamente con i botti diretti al nostro avversario.

Match: 2-1
Score: 7-1

.

Turno 9: Poison Storm

G1 Perso.
Vi ricordate quando ho detto che Familiar e Jeskai sono match up brutti? Ecco, giocando contro Poison Storm ho capito che questo è veramente quello più brutto in assoluto. Weather The Storm, Moment Peace e una combo che non passa dall board sono la nostra nemesi contro cui purtroppo non possiamo fare nient’altro che pregare.

Side In: 1 Makeshift Munitions

Side Out: 1 Deadly Dispute

G2/G3 Vinto.
Le nostre preghiere vengono ascoltate dall’altro e il nostro avversario si pianta non riuscendo a terminare la combo e rimanendo scoperto dai nostri botti finali.

Match: 2-1
Score: 8-1

.

Turno 10: Walls Cascade

G1/G2 Vinto.
Non mi dilungo troppo anche per questa partita che sono state la fotocopia delle partite giocate durante il Round 8 contro il medesimo archetipo. Fulmini e Fiery Temper su Axebane Guardian e qualche Winding Way sfortunata del nostro avversario ci lasciano tempo di finire entrambe le partite senza troppi problemi tra Kitchen Imp e Sneaky Snacker.

Side In: 1 Makeshift Munitions

Side Out: 1 Deadly Dispute

Match: 2-0
Score: 9-1

.

Turno 11: Ponza

G1 Vinto.
Anche qua siamo baciati dalla fortuna di non vedersi bloccare i volanti da Writhing Chrysalis e chiudere la partita in tempo utile dai nostri botti.

G2 Perso.
Purtroppo il nostro avversario riesce ad incastrare Nylea’s Disciple a seguito di una Writhing Chrysalis , con il turno successivo di Annoyed Altisaur per Boarding Party e Gorilla Shaman.

G3 Vinto.
Partita tiratissima con noi che picchiamo dai primi turni con doppia Sneaky Snacker, nonostante Giorgio ci proponga 2 Nylea’s Disciple per un totale di 12 vite guadagnate. Appoggiamo Makeshift Munitions e abbiamo la fortuna di avere la possibilità di tirare un fulmine su un Boarding Party che sarebbe risultato letale, nonostante la cascata di Deglaimer proprio sul nostro incantesimo preferito. Il turno seguente 2 propizie Galvanic Blast più i danni sul campo ci permettono di vincere la partita che ci manda matematicamente in Top8.

Complimenti al nostro avversario che riesce poi a vincere nel round successivo e a passare anche lui in Top grazie al rating. Giocatore veramente bravo ed esperto.

Match: 2-1
Score: 10-1

.

Turno 12: Goblin Combo

Patta intenzionale visto l’accesso matematico in Top 8.

Match: ID
Score: 10-1-1

.

Quarter: Rakdos Burn di Filippo Pezza

Accediamo quindi ai quarti di finale passando come quinti classificati. Il che ci vede sfavoriti nel prossimo incontro che sarà un mirror con il futuro campione del PauperGeddon Pisa.

G1/G2 . Purtroppo non c’è molto di interessante da raccontare a riguardo di queste partite in cui Filippo è sempre stato in vantaggio sia per quanto riguarda il campo che le risorse che i punti vita, con io costretto ad inseguirlo sempre e con una sideboard molto più debole e meno incentrata sul mirror rispetto alla sua. Da dire che lui ha fatto tutte le giocate corrette e pulite in entrambe le partite, non si vince un evento come il Paupergeddon per caso e a lui vanno di nuovo tutti i complimenti che gli ho già fatto precedentemente di persona.

.

.

.

Conclusione

.

.

Si conclude così il nostro evento, senza alcun rimpianto di sorta e sapendo di aver dato il massimo durante tutti i round delle due giornate.
Sicuramente baciato dalla fortuna in più occasioni tra mulligan degli avversari e aperture decisamente potenti grazie a Sneaky Snacker, carta che ha potenziozato il nostro archetipo ben oltre ogni aspettativa.

Vorrei approfittare chiudendo con i ringraziamenti.
In primis alla mia ragazza Elisabetta dall’infinita pazienza nel starmi accanto e sorbirsi innumerevoli ore in piedi a guardare le mie partite nella speranza che vincessi.
Poi al mio compagno di testing e di scelte sul deckbuilding Manuel Domenici, finalista dell’ITP di Genova, a cui purtroppo questo evento non è andato altrettanto bene ma è sicuramente un giocatore che merita di raggiungere risultati altrettanto importanti in futuro.
Al mio team della Lega Pauper Versilia, che hanno sempre fatto il tifo per me e sostenuto anche nelle settimane precedenti al torneo.
Ma un grazie speciale vanno alla LPI e sopratutto a Gianluca Boose per aver creato e tirato su un evento così importante e prestigioso senza il quale io non sarei qui a fare questo report.

Spero di incontrare nuovamente tutti i ragazzi con cui ho fatto amicizia durante questo splendido viaggio e di poterne fare di nuovi perchè ciò che rende speciale tutto questo è il clima creato dalla stessa community che mi ha fatto tornare a giocare.

Grazie davvero a tutti!

Articoli correlati