Pauperwave weeks: 2° settimana di ottobre

da | Ott 24, 2021 | Game Analysis

Chino il capo in scuse profuse per l’assenza della rubrica nella settimana passata, ma la vita reale è malvagia e ci sottrae a ciò che è meglio per lo spirito.

Questo finesettimana ci sarà il Paupergeddon a Roma, per cui potremmo riassumere dei consigli su come prepararsi un po’ meglio al torneo:

  • giocate il mazzo con cui vi sentite maggiormente a vostro agio
  • il meta cartaceo tende ad essere simile a quello online, ma più vario
  • nei tornei grossi cartacei è più facile trovare mazzi lineari o tier1, perché teoricamente performano meglio in tanti turni
  • non conviene pensare troppo al torneo mentre si gioca, meglio focalizzarsi solo sulla singola partita (e su quanto puzzi la persona di fianco a voi)
  • non lavatevi (e offrite le ascelle per una leccatina nella pausa sigaretta)

Le challenge della settimana

Il metagame Pauper comincia a diventare molto preoccupante. La presenza di Affinity e UB Faeries continua ad essere stabile sul, più o meno, 50% dei mazzi giocati in challenge.

Dato che il foglio di Castle of Commons (il server discord internazionale sul Pauper) non rende la percentuale di WR contro i non-mirror, il dato che esaminiamo è la WR% su tutto il meta e, presumendo che il il mirror match sia un 50-50, ne deriva che, a grandi linee, il resto del metagame sia considerabile come MU positivo.

Questo costituisce un problema nel caso non dovessero venir fuori delle strategie in grado di inserirsi tra i due tier0.5 (in questo meta storico possiamo tranquillamente vederli come tale).

Sabato 16 ottobre

https://magic.wizards.com/en/articles/archive/mtgo-standings/pauper-challenge-2021-10-17

Numero giocatori: 48

Top16 Challenge sabato 16 ottobre

Metagame Challenge sabato 16 ottobre

Per quanto 48 giocatori sia un numero relativamente basso, che permette pure a qualche 2-4 di squalare una top32, i risultati sono in linea con la premessa iniziale;  Affinity e Dimir Fate si mostrano come gli unici mazzi sufficientemente costanti da occupare la maggior parte delle volte dei posti in top (e ogni tanto pure la maggior parte dei posti).

È molto divertente la spikata di un singolo Mono Black Burn che riesce ad infilarsi in una top8 altrimenti limitata a due archetipi, ma ritengo altamente sconsigliabile giocare questo mazzo che, fondamentalmente, è una scelta budget per cominciare su MTGO dato che il costo totale del mazzo è inferiore a 3 tix, cosa che permette di giocare in practice room potendo usufruire di, ad esempio, del loan account di prova di Cardhoarder.com (cioè prendo in prestito le carte a gratis).

3° posto Challenge sabato 16 ottobre

Guardando alla realtà dei fatti, più che un mazzo Burn, cioè tanti botti + poche creature, è un Mono Black Rogue, solo che la parte Tribale Rouge (che è rilevante per Morsel Theft) è la parte più debole del mazzo.
Le carti forti di questa pila alla fin fine sono Bump in the Night, Tyrant’s Choice e Sign in Blood ed è un peccato che tutto ciò che vi stia attorno è soltanto uno sperare che l’avversario non abbia lifegain o rimozioni al momento giusto.

Domenica 17 ottobre

https://magic.wizards.com/en/articles/archive/mtgo-standings/pauper-challenge-2021-10-18

Numero giocatori: 59

Top16 Challenge domenica 17 ottobre

Metagame Challenge domenica 17 ottobre

Penso che il metagame della domenica sia proprio.. della domenica. La fascia oraria permette anche ai giocatori oltreoceano di partecipare e questi, solitamente, non si fanno troppi problemi a giocare un pet deck al posto di un mazzo il cui obiettivo principale è quello di vincere.

È indubbio come i giocatori che scelgono di giocare la domenica vedono in Dimir Faeries il mazzo da battere e si armano di Izzet Faeries, Boros Bully e Stompy.
La bassa winrate di Izzet Faeries però ci mostra come sia ormai una scelta obsoleta, praticamente al pari di Mono Blue Faeries se vogliamo fare un paragone.

Nonostante Fate rimanga un topdog del formato, è a mio parere evidente come le sue performance siano dipendenti dalla qualità delle sue risposte. Snuff Out e Cast Down sono rimozioni essenziali fintanto che Atog e Myr Enforcer sono le minacce, ipoteticamente, più rappresentate, così come Thorn of the Black Rose non va solamente a sostituire Gush, ma è un counter per Thoughtcast, Ichor Wellspring e Deadly Dispute.

1° posto Challenge domenica 17 ottobre

Il mazzo talismano ad esempio può essere visto come una scelta per adattarsi al meta di fatine. Ritengo che Orzhov Control sia nettamente inferiore a Orzhov Midrange nel MU contro fate e che, anzi, abbia un MU negativo contro fate, ma discutendone con altri giocatori, il giocatore medio di Fate può essere impreparato al tipo di game che si instaura contro Orzhov Control e probabilmente, sia per mancanza di hate o risposte, possa venir predato facilmente.
D’altronde carte come Bonder’s Ornament e Pestilence + Guardian of the Guildpact sono forti contro Fate.

5° posto Challenge domenica 17 ottobre

Prismatic Strands diventa una carta relativamente subottimale grazie alla presenza di Disciple of the Vault nelle attuali liste di Affinity. Maindeckare Dust to Dust è semplicemente una evoluzione del maindeckare Pyroblast, cosa relativamente indifferente se pensate al fatto che le carte morte si scartano in ogni caso con Faithless Looting.

Questo è solo uno spunto per dire che il meta non ruota attorno a fate, ma attorno ad Affinity.
È il mazzo che richiede più carte per aggiustarvi il MU e che si può contrastare di meno se si gioca un mazzo la cui winrate contro di esso è negativa.

Parte di questo dipende dalla presenza delle dual di MH2 che, sì vanno a limitare l’hate per artefatti a carte come Dust to Dust, ma soprattutto migliora notevolmente il manafixing, permettendo di tagliare carte come Springleaf Drum e Navigator’s Compass, così da aumentare minacce, interazione o card advantage.

Skred, Pyroblast e anche Gorilla Shaman non sono più strumenti adatti a combattere le minacce del formato.

Leghe online

Il meta delle leghe si rivela come sempre un minestrone dove le persone, giustamente, giocano ciò che preferiscono:

Paupergeddon Roma

Domani c’è il Paupergeddon Roma, non perdetevi lo streaming del Galactus (link su Pauper MTG Italia).

Sono abbastanza in hype perché ci vado anche io, mi sembra una buona occasione per passare il weekend assieme ad amici che non vedo da tempo (o che non ho mai visto).